Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ELN ha sottolineato che non avrebbe negoziato se lo avessero messo “nella stessa borsa” con bande e gruppi paramilitari.

Il presidente dell’Esercito di liberazione nazionale, soprannominato Antonio Garcia, ha espresso ottimismo sui colloqui con il presidente della Colombia, Gustavo Petro. Immagini: screenshot e Colprensa.

distanza Alto Commissario per la Pace, Danilo Rueda, ha annunciato che il governo del presidente Gustavo Petro I mandati di arresto saranno sospesi Il comandante in capo di questa struttura criminale ha reagito contro i membri dell’Esercito di liberazione nazionale per ristabilire i colloqui di pace.

riguarda Elisir Erlento ChamorroE il Alias ​​Antonio Garcia Il quale ha detto a CM & Newscast che la sua struttura criminale è pronta al dialogo con il governo nazionale e ha confermato che coloro che hanno interrotto i colloqui erano membri del governo dell’ex presidente Ivan Duque. In effetti, per un leader della guerriglia, “l’essenziale” è avviare dei colloqui

“Colui che ha rotto è il governo Duque, e ora il nuovo governo e lo stato colombiano devono essere al sicuro da questa violazione”, Garcia ha detto la notizia. Naturalmente, non ha mostrato segni di voler fermare i tanti atti criminali che hanno commesso in tutto il paese.

Tratto da Twitter.  Le bande assicurano che i colloqui di pace riprenderanno.
Tratto da Twitter. Le bande assicurano che i colloqui di pace riprenderanno.

Anche quando gli hanno chiesto se avrebbero accettato un cessate il fuoco, e che lo avrebbe fatto anche lo Stato colombiano, il leader della guerriglia ha detto che avrebbero valutato tutto, a suo avviso, “positivo”. Tuttavia, ha chiarito che ci avrebbe pensato solo quando si erano seduti e hanno parlato con gli inviati del governo Petro.

Sarà sul tavolo dove sarà fatto. “Questi non sono argomenti che dovrebbero essere discussi pubblicamente”, ha affermato il capo dell’Esercito di liberazione nazionale.

Allo stesso modo, García ha ringraziato la Chiesa cattolica in Colombia, così come il Vaticano guidato da Papa Francesco, per la loro disponibilità in questi anni a sostenere i colloqui di pace che, secondo il leader eversivo, sono stati oscurati dalla vuota amministrazione dell’ex presidente di Uribesta . . Infatti Antonio Garcia afferma che così era il governo precedente “Proibito per amore della pace.”

L'Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), l'ultimo gruppo di guerriglia riconosciuto in Colombia, ha dichiarato lunedì un cessate il fuoco di 10 giorni in vista dello svolgimento delle elezioni presidenziali del 29 maggio, la sua intenzione di voto è dominata da un avversario e un ex ribelle a favore di dialogo con i ribelli armati.  .
L’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), l’ultimo gruppo di guerriglia riconosciuto in Colombia, ha dichiarato lunedì un cessate il fuoco di 10 giorni in vista dello svolgimento delle elezioni presidenziali del 29 maggio, la sua intenzione di voto è dominata da un avversario e un ex ribelle a favore di dialogo con i ribelli armati. .

Dopo che il presidente cileno Gabriel Borek ha offerto al suo paese la sua controparte colombiana per portare avanti accordi di pace con l’Esercito di liberazione nazionale, ci sono state grandi speculazioni sul ruolo della comunità internazionale in questi nuovi colloqui. CM e García hanno chiesto cosa si aspettasse dal regime venezuelano e da altri paesi interessati a che la Colombia fosse libera dalle bande. Questo è stato detto da quel leader della guerriglia:

“C’è un accordo firmato dall’ELN, dal governo colombiano e da cinque governi, dove si determina il ruolo di questi paesi; questo è ancora valido; solo l’Ecuador ha rinunciato al suo ruolo. Il Venezuela continuerà a svolgere il ruolo concordato, proprio come gli altri. Proprio come gli altri”, ha detto al telegiornale Antonio Garcia. Il Venezuela ha svolto un ruolo importante che non può essere ignorato”.

Nonostante le critiche ricevute dal nuovo Capo dello Stato per aver aperto la porta al dialogo con i gruppi eversivi, questo testo sembra dare i suoi frutti. Secondo il direttore criminale dei media citati, sperano di riuscire a raggiungere accordi con il governo Petro. Naturalmente, si ritiene che tutto dipenderà dal “nuovo contesto” in cui si svolgeranno i colloqui. “Questa è la caratteristica su cui stiamo tutti negoziando, compreso Uribe. Questi grandi negoziati per il Paese saranno il nuovo contesto in cui si svolgeranno dialoghi e accordi con l’Esercito di Liberazione Nazionale”, ha affermato. Ha aggiunto.

Il presidente colombiano Gustavo Petro parla dopo un incontro bilaterale con il presidente cileno Gabriel Boric (non raffigurato) alla Casa de Narino a Bogotà, Colombia, l'8 agosto 2022. REUTERS/LUISA GONZALES
Il presidente colombiano Gustavo Petro parla dopo un incontro bilaterale con il presidente cileno Gabriel Boric (non raffigurato) alla Casa de Narino a Bogotà, Colombia, l’8 agosto 2022. REUTERS/LUISA GONZALES

Inoltre, il leader della guerriglia ha fatto riferimento all’accordo di pace firmato dall’ex presidente Juan Manuel Santos con ex combattenti delle FARC e ha affermato che questi dialoghi con l’Esercito di liberazione nazionale dovrebbero tenere conto Gli “errori” di quelle trattative Quindi non lo ripetiamo. Ha anche osato descrivere i principali problemi che ha visto, come l’assassinio di leader sociali e l’attuazione del governo di Ivan Duque.

READ  Approvato Codice di Sicurezza per l'Industria Tessile Internazionale - Prensa Latina

Secondo Garcia, gli insetti hanno qualcosa a che fare con “Struttura negoziale, nella tua strategia negoziale; poiché non c’era chiarezza negli obiettivi”, esprimere a centimetro&Il che a sua volta raccomandava di tenere in considerazione “cosa viene negoziato e perché”. Ritiene infatti che ciò non debba essere fatto in fretta, ma in modo calcolato, motivo per cui è in disaccordo con la dichiarazione del ministro degli Esteri Alvaro Leva di dialogare una volta per tutte con tutti i gruppi criminali.

Il governo può parlare con chi vuole. Ognuno assume il suo. Ma se il governo ci mette nella stessa borsa di bande o gruppi paramilitari, non parteciperemo lì, una cosa è una cosa e un’altra”, ha detto Garcia, che attualmente si trova a Cuba.

Continuare a leggere: