Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’enorme influenza che spiega il mistero della differenza tra le due facce della luna | Ecologia | rivista

Alla fine degli anni ’50 e ’60, le missioni sovietiche e americane hanno rivelato due facce della luna completamente diverse.

Il lato vicino è ricoperto dalle cosiddette maria lunari, che appaiono come grandi macchie scure che rivelano antiche colate laviche. D’altra parte, d’altra parte, questi mari sono appena visibili.

Tuttavia, il motivo di questa differenza era un mistero.

Un nuovo studio condotto da scienziati negli Stati Uniti suggerisce una spiegazione per risolvere il mistero: Enorme impatto miliardi di anni fa.

Due facce molto diverse

“Le maggiori differenze tra la faccia visibile e quella occulta della Luna sono legate all’aspetto e alla composizione chimica di queste regioni lunari”, ha spiegato Jose Maria Madedo, astrofisico dell’Istituto di Astrofisica dell’Andalusia (IAA-CSIC). A BBC Mundo.), esperto di impatti di asteroidi sulla Luna. Madiedo non è stato coinvolto nel nuovo studio.

Sulla faccia visibile sono presenti molte vaste aree ricoperte da solida lava detti mari. Sul lato oscuro, questi mari sono estremamente rari“.

Madido ha anche osservato che in termini di composizione sono state trovate le missioni spaziali che sono state effettuate finora Discrepanze significative nell’abbondanza di alcuni elementi.

Così, ad esempio, sul lato visibile si trovano concentrazioni più elevate di potassio, titanio, torio, fosforo e altri elementi del gruppo delle terre rare (REE).elementi di terre rare“).

“Tutto ciò rivela che durante tutta la sua evoluzione, la Luna deve aver sperimentato una sorta di fenomeno che potrebbe portare a queste differenze”.

Science Image Library I colori mostrano le altitudini al polo sud della Luna, da viola (oltre 9.000 m di profondità), a verde (altitudine zero), giallo (2.000 m sopra il livello della superficie), arancione (4.000 m di altitudine) e rosso (8.200). Il bacino di Aitken, un cratere di circa 2.500 chilometri di diametro e profondo 12 chilometri, è la grande macchia blu scuro-viola.

Cratere a circa 2500 km

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, suggerisce che le differenze tra le facce della luna derivano dalla significativa influenza del cosiddetto Bacino dell’Antartide – Aitken (Stazione termale).

Il bacino dell’Antartico-Aitken “è un grande cratere situato vicino al polo sud della Luna”, ha spiegato Madeido.

Con un diametro di circa 2.500 chilometri e una profondità di 12 chilometri, è una delle più grandi strutture d’impatto trovate su oggetti nel Sistema Solare.“.

L’esperto ha aggiunto che la posizione di questo bacino si trova nella regione opposta al lato nascosto della luna, quindi non è visibile dalla Terra.

“Dal nostro pianeta si può vedere solo il bordo del bacino, che consiste in una catena montuosa alta circa 9 chilometri”.

flusso di lava

L’impatto del bacino Antartico-Aitken potrebbe aver causato la diffusione di un’enorme colonna di calore all’interno della Luna.

diffondendo, Questo pilastro ha trasportato una serie di elementi di terre rare sul lato visibile della luna. L’abbondanza di questi elementi termogeneratori ha contribuito all’attività vulcanica che ha portato alle vicine colate laviche.

“Sappiamo che grandi impatti come quello che ha formato la SPA genereranno molto calore”, ha affermato in una nota Matt Jones, autore principale dello studio e studente post-dottorato alla Brown University di Rhode Island.

La domanda è come questa temperatura influenzi la dinamica interna della Luna. Quello che mostriamo è che in qualsiasi condizione ragionevole al momento della formazione della ZPS, questi elementi che producono calore finiscono per concentrarsi sul lato vicino”.

Ciò ha contribuito allo scioglimento del mantello che ha prodotto i flussi di lava che vediamo in superficie.“.

Il nuovo studio rivela che un’antica collisione al polo sud della luna ha alterato i modelli di convezione all’interno della luna.

“Come un surfista”

Il lato vicino della luna ospita un’anomalia compositiva nota come Procellarum KREEP Terrain (PKT), una concentrazione di potassio, elementi di terre rare e fosforo, insieme a elementi che producono calore come il torio, ha spiegato la Brown University nella sua dichiarazione.

KREEP sembra essere concentrato dentro e intorno a Oceanus Procellarum, la più grande delle vicine pianure vulcaniche.

realizzati dagli scienziati Simulazioni al computer di come il calore di un impatto gigante cambia i modelli di convezione all’interno della Luna E come questo potrebbe portare a una ridistribuzione di KREEP nel mantello lunare.

I modelli dell’interno della luna suggeriscono che avrebbe dovuto essere distribuito abbastanza uniformemente sotto la superficie. Ma questo nuovo modello mostra che la distribuzione uniforme sarà interrotta dalla colonna di calore dall’effetto SPA.

Secondo il modello, il materiale KREEP avrebbe spazzato via l’ondata di calore dall’area di impatto della SPA come un surfista‘, indica una dichiarazione della Brown University.

Quando la colonna di calore si estendeva sotto la crosta lunare, questo materiale veniva tirato sul lato più vicino.

Science Image Library Illustrazione di Luna 3, la sonda sovietica che scattò le prime foto del lato opposto della Luna nel 1959.

I ricercatori affermano che il lavoro fornisce una spiegazione affidabile per uno dei più grandi misteri sulla luna.

“Come si è formato il PKT è probabilmente la più grande questione aperta nella scienza lunare”, ha detto Jones. L’effetto Polo Sud-Aitken è uno degli eventi più importanti nella storia della Luna. Questo lavoro unisce queste due cose e penso che i nostri risultati siano davvero entusiasmanti”.

Oltre alla Brown University, nello studio sono stati coinvolti ricercatori della Purdue University, della Stanford University, del Planetary and Lunar Science Laboratory in Arizona e del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

READ  Gears of War compie 15 anni