Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lento risveglio del risparmio dopo 6 anni di inattività a zero | mercati

L’inferno del rendimento zero in cui vivevano i risparmiatori spagnoli – paradiso dei debitori – sta volgendo al termine con il rialzo dei tassi di interesse, avviato quest’estate dalla Banca Centrale Europea (BCE), prima con un aumento di 0,5 punti, e confermato giovedì scorso con un altro 0,75 che porta il prezzo del denaro all’1,25%. Allo stesso modo, i tassi di debito sono aumentati in modo significativo, con le obbligazioni spagnole a 10 anni al 2,8% e le obbligazioni a 2 anni all’1,5%. I tassi zero in vigore da sei anni nell’eurozona sono già finiti e la notizia è particolarmente rilevante per le famiglie spagnole, che sono fedeli al risparmio più conservatore.

Nonostante non abbiano ricevuto alcun ritorno sui loro conti correnti o depositi, le famiglie sono state fedeli alle loro banche, accumulando almeno 1049 miliardi di euro, il 40% dei loro risparmi finanziari (2654 miliardi) con i dati del primo trimestre di quest’anno. Soldi che, nonostante il suo rendimento reale negativo, sono cresciuti trimestre dopo trimestre.

L’ambiente è ora più favorevole a premiare il risparmio, anche se gli interessi pagati dalle banche non aumenteranno in modo significativo. Patricia Suarez, presidente della Financial Users Association (Asufin), è pessimista sulla guerra delle responsabilità. Le banche in questi anni di tassi zero sono riuscite ad accumulare molti risparmi senza bonus. Gli adulti traggono vantaggio e non vedono molti incentivi a offrire bonus ed è quello che succede, che solo le piccole banche che hanno bisogno di depositi lo fanno e in modo limitato con i prodotti di rimborso”. Ha concluso: “Sono pessimista a meno che un’entità non avvii i movimenti e paga l’altro.

READ  FTX US è tra le 5 società che hanno ricevuto lettere di cessazione e desistenza dalla FDIC tramite Cointelegraph

Le banche cercheranno di riordinare i propri margini tra ciò che pagano al cliente (depositi) e ciò che ricevono (crediti e prestiti) dopo molti anni di difficoltà nello svolgere la loro attività tradizionale. Le medie imprese hanno iniziato i loro primi preliminari con il risparmio, ma è ben lontana dalla vera guerra di responsabilità che, per ora, è imprevedibile. Così Sabadell e Bankinter hanno mosso i primi passi. Sabadell ha ottenuto il conto online con un rendimento dell’1% TAEG di un massimo di € 30.000 durante il primo anno senza bisogno di alcun tipo di connessione. Se al cliente è associata una trattenuta diretta o una busta paga superiore a 700 euro, riceverà un ritorno del 2%. Inoltre, la banca regala 50 euro per l’apertura di un conto.

Bankinter ha sempre mantenuto il conto buste paga per i nuovi clienti con un bonus del 5% TAEG nel primo anno e 2% nel secondo con un massimo di 5.000€, ma ora ha lanciato un conto in dollari con un ritorno del 2% TAEG per il deposito a 12 mesi di $ 15.000 e 1,8% annuo per sei mesi. Sebbene tu sia lontano dal deposito tradizionale a causa del rischio valutario coinvolto, è una tendenza all’arrivo di nuovi prodotti come i depositi strutturati.

Tra le aziende più grandi, BBVA era troppo timida per offrire 150 euro per aprire nuovi conti con buste paga o pensioni. Da parte sua, il CEO di Caixabank (la più grande entità di volume di depositi in Spagna), Gonzalo Gortazar, ha affermato nell’ultima presentazione dei risultati che “la nostra strategia non continuerà premiando i depositi, ma aiutando i nostri clienti a ottenere rendimenti migliori mentre si prendono su determinati rischi, a seconda dei loro obiettivi e, soprattutto, del loro orizzonte di investimento”. Mirava direttamente al denaro.

READ  Le azioni globali scendono per i timori di un'invasione russa dell'Ucraina | internazionale

La ricerca di nuovi clienti ha reso la tecnologia finanziaria e l’online banking più flessibili quando si tratta di migliorare le loro offerte di deposito. EBN Banco offre depositi Syncon Plus che vanno dall’1% in 12 mesi all’1,5% in 36 mesi per importi a partire da € 10.000. Il conto di risparmio di Openbank Welcome Payroll dà interessi al 2,58% di aprile durante il primo anno con un massimo di € 5.000.

Orange Bank dal 1 ottobre aumenta il bonus del tuo conto di risparmio dallo 0,5% aprile allo 0,7% per importi fino a € 100.000. Ovviamente, richiede che tu sia un cliente di uno qualsiasi dei loro prodotti. Renault Bank ha aumentato il bonus sul tuo deposito dallo 0,55% allo 0,7% TAEG senza alcun limite all’importo del risparmio, che può arrivare fino all’1,4% di profitto in due anni. MyInvestor ha anche un deposito dell’1% di aprile per importi massimi di € 20.000. Da parte sua, Pibank (Gruppo Pichincha) offre fino al 6 ottobre un deposito dell’1,2% TAEG senza limiti di importo. Ora resta da vedere se i grandi parteciperanno a questa competizione.

Meno dà una pietra

Ragazzi veri. Questa ricerca logica di redditività nei depositi trova rapidamente un punto di frustrazione quando confrontata con la realtà dell’inflazione. Un salario annuo del 2% nel migliore dei casi rispetto a un aumento del 10,4% in agosto nell’economia spagnola si traduce in tassi reali negativi di 8,4 punti. L’ammortamento del valore di acquisto del risparmio si riduce solo leggermente.

condizione. La stessa Banca Centrale Europea ha assicurato giovedì scorso che i tassi di interesse continueranno a salire, sempre a seconda dell’andamento dei prezzi. Le offerte bancarie più interessanti sono quelle a più lungo termine, ma possono essere scadute di mesi.

READ  La nuova Mercedes-Benz one-off: creata dal marchio tedesco e da Will.i.am