Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’epico gioco di ruolo che esiste da 40 anni e ha una lista d’attesa per farti giocare

Durante gli anni ’80 i giochi di ruolo hanno vissuto il loro grande periodo d’oro grazie a milioni di giovani in tutto il mondo che si sono affezionati a questo spettacolo in cui sono stati i protagonisti di una storia che racchiude narrazione, spiegazione, gioco, dadi, miniature e altro ancora . .

Dungeons and Dragons era senza dubbio il gioco di ruolo perfetto, tuttavia aveva uno svantaggio: i giochi potevano essere molto lunghi. Tanto che fino ad oggi uno di quei giochi che sono iniziati negli anni ’80 è ancora attivo e funziona già da più di 40 anni.

Wardhaugh ha dipinto e sponsorizzato tutte le miniature per 40 anni

Robert Wardhaugh

Ebbene, il responsabile di questo gioco è Robert Wardhaug, professore di storia all’Università dell’Ontario occidentale, in Canada, un fan dei giochi di ruolo e del fantasy, e il creatore di uno dei più grandi giochi di Dungeons & Dragons della storia .

Per mantenere vivo il gioco, giocano in media 10 ore a settimana. Anche se senza dubbio la chiave per rimanere attivi è continuare ad aggiornarsi, portando storie, avventure ed esperienze ai giocatori di tutto il mondo. In effetti, il gioco è così noto che c’è una lunga lista d’attesa per giocarci.

Non sorprende, quindi, che le decorazioni siano così curate nei minimi dettagli, al punto che ci sono più di 30.000 miniature e personaggi di ogni tipo per il gioco: draghi, zombie, nani, goblin, vampiri, ragni e tanti altri più banditi, orchi e creature di ogni tipo. Oltre a migliaia di appezzamenti di terreno e paesaggi come foreste, grotte o edifici, tra molti altri mirati alla full immersion nel mondo dei dungeon e dei draghi.

READ  Il Festival di San Sebastian sarà il fulcro del cinema mondiale

Ma la cosa più sorprendente è che lo stesso Warhaug ha dipinto e nutrito tutte le miniature e non permette a nessuno di avvicinarsi, solo loro possono maneggiarle, anche quando stanno giocando. In effetti, il suo gioco si è evoluto così tanto che il veterano utilizza le proprie regole, che ha affinato negli anni rispetto alle regole ufficiali e originali della prima versione di Dungeons & Dragons.

Il gioco è iniziato quando erano adolescenti e ora giocano anche i loro figli

Il gioco è iniziato quando erano adolescenti e ora giocano anche i loro figli

Robert Wardhaugh

Ad oggi, più di 500 persone hanno partecipato al gioco, mentre almeno un centinaio di trame sono ancora aperte oggi grazie a parenti ed eredi che continuano le loro avventure in questo mondo fantastico. Naturalmente, anche se nel corso degli anni si sono aggiunti nuovi giocatori, alcuni dei loro amici d’infanzia continuano a incontrarsi ogni settimana per giocare, alcuni iniziano persino a venire con i loro figli e nipoti. Nel caso di Wardhaugh, sua figlia si è unita al gioco a soli sei anni e gioca ancora a 14 anni.

Leggi anche