Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Etiopia non consentirà alle Nazioni Unite di indagare su possibili crimini di guerra internazionali | Notizia

Il ministero degli Esteri etiope ha sottolineato che l’Etiopia “non coopererà con il meccanismo stabilito imposto contro il suo consenso”.

EFE

Il governo etiope ha respinto oggi la decisione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di istituire una commissione per indagare su possibili crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi da tutte le parti nel conflitto tra l’Autorità esecutiva centrale ei ribelli nella regione della Tigre.

Lo ha sottolineato in un comunicato il ministero degli Esteri etiope L’Etiopia “non collaborerà con il meccanismo stabilito imposto contro il suo consenso”.

Il governo etiope ha affermato che “questa azione di alcuni membri del consiglio è un tentativo di trovare un modo alternativo per interferire negli affari interni di uno stato sovrano e non serve altro che ad aggravare la situazione sul campo”.

Per questo l’Etiopia ha respinto “categoricamente” l’esito “politicamente motivato” della sessione speciale odierna a Ginevra del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite sulla guerra in questo Paese del Corno d’Africa.

Ha sottolineato che questo risultato “mina la fiducia nel lavoro del Consiglio e, cosa più importante, mina l’integrità territoriale, la sovranità nazionale e l’indipendenza politica dell’Etiopia”.

L’esecutivo etiope ha aggiunto: “Niente più doppi standard. Niente più misure coercitive unilaterali. Niente più interferenze negli affari interni con il pretesto dei diritti umani”.

La risoluzione, che condanna “le violazioni e gli abusi dei diritti umani commessi da tutte le parti nel nord dell’Etiopia dall’inizio del conflitto il 3 novembre 2020”, è stata approvata con 21 voti favorevoli, 15 contrari e 11 astensioni.

READ  Hanno ratificato la nullità degli accordi della precedente legislatura del Venezuela - Prensa Latina

Tra gli altri paesi, i membri del Consiglio dell’UE, che hanno convocato la sessione di emergenza sull’Etiopia e scritto la bozza di risoluzione, hanno votato a favore, mentre hanno votato contro Cina, Cuba, Eritrea, Russia e Venezuela.

La risoluzione esorta tutte le parti in conflitto a cessare gli attacchi contro i civili, rimuovere gli ostacoli all’accesso umanitario e negoziare un cessate il fuoco.

Il mandato della commissione d’inchiesta istituita dal Consiglio durerà un anno.Sarà composto da tre esperti e avrà il compito di indagare sulle violazioni dei diritti umani nel conflitto.

La guerra è scoppiata il 4 novembre 2020, quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ordinato un attacco al Fronte di liberazione del popolo del Tigray, il partito fino ad allora al potere nella regione settentrionale, in risposta a un attacco a una base militare federale e dopo un’escalation di tensioni politiche. .

Secondo le Nazioni Unite, Migliaia di persone sono morte Circa due milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case nel Tigray a causa delle violenze.

Inoltre, circa 9,4 milioni di persone Hanno bisogno di aiuto umanitario nel nord dell’Etiopia a causa della guerra, secondo il World Food Program. (IO)