Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’FBI accusa gli hacker legati alla Corea del Nord di aver rubato 620 milioni di dollari in criptovaluta

Gli hacker nordcoreani hanno rubato 400 milioni di dollari (370 milioni di euro) di criptovaluta attraverso attacchi informatici ai punti vendita di criptovaluta l’anno scorso, afferma la piattaforma di dati blockchain Chainalysis. afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 aprile 2022-22:29

(AFP)

Giovedì, le autorità statunitensi hanno affermato che un gruppo di hacker collegati alla Corea del Nord è stato responsabile del furto di 620 milioni di dollari in criptovaluta nell’attacco di marzo ai giocatori di videogiochi Axie Infinity.

È uno dei più grandi hack contro la criptovaluta fino ad oggi e solleva domande sulla sicurezza in questo settore emergente.

Il furto è arrivato il mese scorso dagli sviluppatori di Axie Infinity, un videogioco in cui la criptovaluta può essere guadagnata giocando o scambiando avatar, poche settimane dopo che i ladri hanno rubato circa $ 320 milioni (€ 295 milioni) in un attacco simile.

“Grazie alla nostra indagine, confermiamo che il Lazarus Group e APT38, attori online associati alla Corea del Nord, sono responsabili del furto”, ha affermato l’FBI in una nota.

Nel 2014, Lazarus Group è stato accusato di aver violato la Sony Pictures come rappresaglia per The Interview, un film satirico che satirizzava il leader nordcoreano Kim Jong Un.

Il programma informatico della Corea del Nord si è esteso dalla metà degli anni ’90 a un’unità di 6.000 persone, nota come Office 121, che opera da diversi paesi, tra cui Bielorussia, Cina, India, Malesia e Russia, secondo un rapporto militare statunitense del 2020.

Gli hacker nordcoreani hanno rubato 400 milioni di dollari (370 milioni di euro) di criptovaluta attraverso attacchi informatici ai punti vendita di criptovaluta l’anno scorso, ha affermato la piattaforma di dati blockchain Chainalysis a gennaio.

In caso di furto di Axie Infinity, gli hacker hanno sfruttato i punti deboli di una configurazione messa in atto dalla società dietro il gioco, Sky Mavis, con sede in Vietnam.

L’azienda ha dovuto affrontare un problema: la blockchain di ethereum, in cui le transazioni vengono registrate nella criptovaluta ethereum, è relativamente lenta e costosa. Per consentire ai giocatori di Axie Infinity di acquistare e vendere rapidamente, la società ha creato una valuta di gioco e una catena laterale con un ponte verso la blockchain principale di Ethereum.

Il risultato era più veloce ed economico, ma alla fine era meno sicuro.

READ  Questi sono i vincitori della gara di Chispazo di sabato 19 febbraio 2022