Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Liam Neeson presenta la prima di Marlowe a San Sebastian

All’età di 70 anni, Liam Neeson ha presentato in anteprima il suo Marlowe al Festival di San Sebastian, che quest’anno, come l’attore, ha celebrato sette decenni di vita.

In Marlowe di Neil Jordan, Neeson interpreta il famoso investigatore privato nato dalla penna di Raymond Chandler.

“È un ruolo da sogno, ma non sono mai stato intimidito dalla leggenda del personaggio”, ha detto Neeson ai giornalisti prima della prima mondiale del film che ha concluso la 70a edizione del festival cinematografico tenutosi nel nord della Spagna.

“Marlowe” è basato sul libro “The Black-Eyed Blonde” di John Banville, che è stato incaricato dagli eredi di Chandler di continuare le avventure del personaggio. Il suo testo è stato scritto da William Menahan e dallo stesso Jordan. Nel caso di Neeson e del regista, questa è la loro quarta collaborazione dopo “High Spirits” (“The Ghost Hotel”), “Michael Collins” e “Breakfast at Pluto” (“Breakfast on Pluto”).

“Liam è un attore meraviglioso. Il regista ha detto che la prima volta che l’ho visto è stato al Dublin Theatre negli anni ’80. Esplorare Marlowe con qualcuno che conoscevo e di statura è stato straordinario.

Diane Kruger e Jessica Lange si uniscono a Neeson in una cospirazione in cui al detective Philip Marlowe viene chiesto di trovare un amante. Girato a Dublino e Barcellona. “Marlowe” riporta lo spettatore all’atmosfera degli anni Quaranta a Los Angeles. Jordan ha menzionato alcune delle sue ispirazioni, evidenziando il linguaggio visivo di “Blade Runner” di Ridley Scott, perché nonostante abbia un background futuristico, nasconde una trama di mistero.

READ  Sarà la regina Camilla, non Carlos III, a prendere in consegna le scuderie di Isabella II

Neeson non vedeva l’ora di interpretare Marlowe.

“È un personaggio da sogno. Ci sono stati attori straordinari che lo hanno riportato in vita: Humphrey Bogart, Elliot Gould, Robert Mitchum, Sterling Hayden… Mi vergogno a dire che non avevo mai letto nessun libro di Raymond Chandler finché non mi è stato offerto il ruolo”, ricorda l’attore irlandese.

Ma quando gli è stato inviato il romanzo di Banville, l’attore ha detto che ha iniziato a leggerli tutti. Inoltre, è stato felice di condividere nuovamente i crediti con Lange, con il quale ha girato “Rob Roy” nel 1996.

Neeson ha annunciato che le riprese di un film d’azione con il regista norvegese Hans Peter Moland inizieranno a Boston il mese prossimo. Ha anche parlato del suo nuovo ruolo di Qui-Gon Jinn, che ha interpretato per la prima volta più di due decenni fa in “The Phantom Menace” (“The Phantom Menace”) e “Attack of the Clones” (“Attack of the Clones”). i cloni”) di Star Wars, ed è tornato nella serie Disney+ Obi-Wan Kenobi insieme al suo amico Ewan McGregor che recita in essa.

“Ho solo tre frasi in un episodio, ma è stato molto interessante incontrarlo di nuovo. Quando abbiamo realizzato il primo film della serie, alla fine degli anni ’90, le immagini generate al computer non erano così sofisticate come lo sono ora “Il mondo creato da George Lucas non era così sofisticato come lo è ora”, ha sottolineato. È una cosa meravigliosa, perché ogni cultura e ogni paese ha una componente mitica associata a “Star Wars”.

L’attrice ispano-cubana Ana de Armas ha girato San Sebastian per mostrare il suo film “Blond” su Marilyn Monroe. Superato il Festival di Venezia, dove la sua interpretazione è stata accolta con una standing ovation per 14 minuti, de Armas ha ricordato la severità della sua interpretazione.

READ  "Spy x Family" è già uno degli anime di maggior successo in Giappone e gli autori di "Shingeki no Kyojin" e "Blue Exorcist" hanno attirato la famiglia Forger per celebrarlo.

“La sfida era far rivivere Norma Jean che non conoscevamo e che era invisibile agli altri. È stato un compito molto coinvolgente per diversi mesi: studiare e osservare ogni dettaglio del loro comportamento e del modo in cui parlavano”, ha detto. Abbiamo dovuto mostrare la persona dietro Marilyn… Conoscere il suo lato personale è stata una vera scoperta per me”.

Dopo aver recitato in film come “No Time to Die”, “Out Knives” (“Daggers in the back”) e “Blade Runner 2049”, la fama di Armas è cresciuta esponenzialmente, il che ha fatto desiderare all’attrice di prendere con cautela.

“Abbiamo tutti una parte pubblica e una parte privata. È difficile trovare un equilibrio tra le informazioni che vuoi condividere con il mondo. I livelli di esposizione pubblica sono cambiati parecchio dai tempi di Marilyn Monroe, anche se potrebbe essere stato per il peggio. Ecco perché ora provo più empatia con tutti gli attori e le attrici.” che sono stati oggetto di grande interesse”.