Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’IBM z16 è la prova che i mainframe non erano morti. Stavano solo festeggiando

Se si sente o si legge la parola mainframe, si immagina uno di quei mostri che negli anni Sessanta occupavano intere stanze e si stabilivano in banche, assicurazioni o installazioni militari. Questo mondo si è evoluto in bianco e nero e, sebbene non si parli (a malapena) di fotogrammi centrali, il loro uso è più diffuso di quanto sembri. IBM lo ha appena dimostrato usando pubblicazione Uno dei suoi ultimi computer mainframe, che è IBM z16.

IBM non ha mai smesso di scommettere sui mainframe. Queste macchine sono state parte integrante della crescita dell’azienda durante la seconda metà del Novecento, ma pian piano stanno perdendo rilevanza rispetto ad altre alternative.

Tuttavia, in IBM hanno continuato a mantenere questo tipo di prodotto: Stavamo parlando di z13 Nel 2015 e questa generazione è stata seguita da z14 (2017), z15 (2019) e ora questo z16. Il protagonista di questo nuovo “maquinón” è il processore IBM Telum, lanciato la scorsa estate che è stato ottimizzato per carichi di lavoro enormi.

I mainframe nell’era del cloud. Queste macchine sono finite in secondo piano con l’arrivo dei supercomputer – ideali per risolvere problemi scientifici e ingegneristici – e soprattutto dei server, quei “vitamin computer” con capacità di lavorare insieme e scalabilità invidiabile.

E poi, ovviamente, è apparso il cloud, il che significa che la maggior parte delle aziende non aveva bisogno di un mainframe come questo: potevano avere a disposizione una sorta di mainframe virtuale in grado di scalare dinamicamente in base alla domanda di risorse dei propri clienti. C’era un altro problema: i mainframe che servivano “periferiche stupide” divennero obsoleti perché l’acquisto di un PC o laptop era più costoso, quindi il ruolo di dispositivi così grandi fu ridotto.

READ  Jetblue chiede esplicitamente a Spirit di rifiutare l'offerta di Frontier

Ma non sono morti, come va. I mainframe sono molto bravi in ​​una cosa: l’elaborazione delle transazioni. Questo è importante nel mondo finanziario e logistico e i mainframe sono stati un’ottima soluzione per banche, compagnie aeree (per prenotazioni di voli) o qualsiasi azienda con grandi scorte che devono essere aggiornate.

Sebbene i mainframe come macchine non siano entrate per IBM (era il 3% del totale nel 2010), IBM guadagna molti (molti) soldi nei servizi relativi a queste macchine: secondo l’analista AM Sacconagui, i mainframe finiscono per generare il 35% dei guadagni IBM.

Ric Lewis, che è responsabile di questi sistemi in IBM, ha anche spiegato: “C’è stato un tempo in cui la gente diceva che tutto sarebbe finito nel cloud, e penso che quello che stiamo vedendo ultimamente è che le persone si rendono conto che i dati sono ovunque. Non tutto sarà nel cloud, infatti l’evoluzione dell’intero panorama informatico si sta muovendo verso infrastrutture specializzate”.

Dalle schede perforate all’intelligenza artificiale. Nel 1960, l’IBM 7090 del Lawrence Livermore National Laboratory era un prodigio informatico, ma per programmarlo non utilizzava mouse e tastiera, Ma schede perforate. Presto, programmatori Cobol Il Fortran per queste piattaforme che stavano scomparendo nonostante ciò la richiesta Chi sono questi professionisti? esiste ancora. Da allora sono successe molte cose e l’IBM z16 ha beneficiato di questo sviluppo e ora ha un alleato importante: l’Intelligenza Artificiale.

Lo indicano i funzionari IBM, che lo confermano grazie al suo processore IBM Telum Con un acceleratore AI è possibile analizzare le transazioni in tempo reale, essenziale per gestire “carichi di lavoro critici come carte di credito, salute o transazioni finanziarie”.

READ  Il volante a giogo di Tesla è "sottoutilizzato" e non sicuro, ed Elon Musk lo adora in questo modo - Notizie - Auto ibride ed elettriche

Questo è usato più di quanto sembri. Secondo IBM, i mainframe rimangono essenziali negli ambienti cloud ibridi che fondono tali piattaforme cloud con questi mainframe. Questi ambienti sono “valutati” – non dicono di essere utilizzati, ma sembrano essere gli stessi – da due terzi delle 100 classificate Fortune, 45 delle 50 banche più grandi del mondo, 8 dei 10 maggiori assicuratori, 7 delle 10 più grandi catene commerciali del mondo e 8 delle 10 più grandi società di telecomunicazioni del pianeta.

fatto studi recenti (Commissionato da IBM) ha rivelato che la famiglia IBM di zSystems esegue “il 70% delle transazioni globali” e c’è un’area particolarmente importante in cui questo dispositivo di punta vuole aiutare: l’antifrode per ridurre le perdite in tutti i tipi di transazioni economiche. L’IBM z16 sembra essere una proposta interessante per queste aree.