Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ligue 1: l’Olympique Lyonnais torna alle sue radici con il ritorno di Lacazette e Tolisso

E ilIl mercato del 2017 è stato uno shock per l’Olympique Lyonnais. Nei primi cinque giorni di luglio, la nazionale francese ha perso due dei suoi giocatori locali e delle migliori stelle. Alexandre Lacazette è andato all’Arsenal per 53 milioni di euro e Corentin Tolisso al Bayern per 41,5.. Il tecnico Bruno Genesio ha lasciato il suo tempo in un colpo solo senza marcatore e senza perno.

“Non dobbiamo vendere, ma se c’è una grande offerta non chiuderemo la porta”, ripete Jean-Michel Aulas, l’eterno presidente dell’OL che sotto il suo ombrello ha vinto sette Ligue 1 e raggiunto la semi- due volte le finali di Champions League. Un piano in cui il club francese crea talenti nella sua accademia (Think, Benzema, Guerre, Ben Arfa, Aouar, Amtiti…) e acquista calciatori emergenti (Ndomble, Ferland Mendy, Bruno Guimarães, Essien, Memphis…) e poi trasferisce in grandi quantità. però, Quest’estate, due “bambini fan” hanno viaggiato dall’altra parte e sono tornati a “casa” gratuitamente.

“Ho parlato molto con Alex (Lacazette). Penso che mi abbia scritto più messaggi nell’ultimo mese che negli ultimi cinque anni! Ha giocato un ruolo importante nel riavermi perché è un amico lontano dal calcio. Io “Sto prendendo la mia decisione. Ho sempre voluto tornare al Lione, ma non l’ho fatto, non sapevo quando”, ha ammesso. Tolisso dopo aver firmato con OL fino al 2027 Risoluzione del suo contratto con il Bayern Monaco. I gravi infortuni che gli hanno impedito di fare la sua comparsa a Monaco (117 partite, 21 gol, 15 assist e 14 titoli (cinque campionati, un campione…) in cinque anni) lo hanno lasciato molto indietro e ora spera di esibirsi con la sua squadra. Con “Laka”.

Vogliamo rafforzare l’istituzione e ci siamo attivati. Lacazette e Tolisso hanno accettato la nostra strategia. Saremo ambiziosi

Jean-Michel Aulas, Presidente dell’Olympique Lyon

“Tornare è stato un gioco da ragazzi per me. È emozionante. Ho preso la decisione migliore. Sento che è un grande progetto che ha bisogno di me nello spogliatoio e in campo. Voglio aiutare il Lione a tornare in testa alla Ligue 1 .” Ho scritto “9” dopo Impegno per il 2025 Liberato dai suoi rapporti con l’Arsenal. Dopo cinque anni irregolari con i “Gunners” (206 partite, 71 gol, 36 assist e due trofei (FA Cup e Community Shield)), Lacazette torna in una rosa in cui ha lasciato il segno con 129 gol, diventando il suo terzo all- giocatore del tempo. direttore.

READ  Markel Fultz degli Orlando Magic è fuori a tempo indeterminato con un dito rotto

Leon che ruggisce di meno

però, Il Lione, dove sono atterrati i due francesi, è diverso da quello che avevano lasciato nel 2017.. Non giocheranno in Europa in questa stagione (sono finiti ottavi nell’ultimo campionato con Peter Boss), non sono passati in Champions League dal 2020 e non hanno vinto un titolo dalla Champions Cup del 2012. Con il Qatar World Cup all’orizzonte, entrambi tornano a portare la loro esperienza con i calciatori Good (Awar, Dembele, Bucket, Kadewere, Toko Ekambi, Malo Gusto, Cakeret, Thiago Mendes…) che quest’estate hanno firmato anche con Tite e Lebenant. .

Lacazette e Tolisso ci daranno molto. Non li trasformerò in supereroi, ma saranno due pezzi importanti del nuovo progetto

Bruno Ciro, direttore degli “scout” dell’Olympique Lyonnais

“Ci daranno molto – ha detto il Direttore Scouting Bruno Ciro – Non li trasformerò in supereroi, ma saranno due parti importanti del nuovo progetto”. “Vogliamo rafforzare l’istituzione e ci siamo attivati. Lacazette e Tolisso hanno concordato la nostra strategia. Saremo ambiziosi”, Evidenzia le classi che vogliono ripristinare i “valori e l’identità” di OL. Non c’è modo migliore che farlo con i due per “ispirare i giovani”. È il tuo momento.