Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’impatto economico del Covid-19 in America Latina

L’Avana, 26 dicembre. La crisi causata dalla pandemia di COVID-19 ha causato importanti perdite valutarie, tassi di inflazione storici, informalità e un aumento del debito pubblico in America Latina.

Questo è un impatto economico che molti esperti considerano tutt’altro che effimero, poiché la ripresa nella regione è estremamente irregolare nonostante il fatto che molti governi stiano propagandando l’idea che la ripresa sia schiacciante.

La verità è che l’America Latina sta vivendo un effetto rimbalzo, che gli specialisti descrivono come un rimbalzo dell’attività economica dopo un’improvvisa recessione, come una rivitalizzazione dopo una recessione come quella avvenuta con la pandemia.

Secondo la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC), la regione crescerà del 5,9% nel 2021, dopo un calo del 6,8% nel 2020.

Questa stima della crescita dipende principalmente dalla domanda esterna e dall’aumento dei prezzi dei beni (materie prime) che esportano. Paesi come Venezuela, Panama e Perù sono scesi ai tassi più alti, mentre altri come Paraguay, Guatemala e Nicaragua sono usciti bene dal crollo.

La previsione di un aumento del PIL è stata visibile solo dalla prima metà del 2021, quando molte restrizioni hanno iniziato a svanire e la vaccinazione ha generato fiducia per parlare di un ritorno alla normalità.

Pertanto, gli indicatori economici hanno iniziato a mostrare una crescita a causa dell’effetto rimbalzo, secondo un’analisi dell’economista e gestore degli investimenti spagnolo Daniel Lacalle.

Quando l’economia riapre, i numeri di crescita ovvi sembrano piuttosto sbalorditivi, ma in realtà sono rimbalzati. Cioè quando l’economia crolla molto e quando riapre c’è produzione e consumo, ma parliamo di quello, di ripresa, non di crescita».

A suo avviso, i governi stanno cercando di dare un quadro molto ottimista della ripresa e utilizzare il concetto di crescita per qualcosa che per la stragrande maggioranza delle famiglie non è altro che recuperare una parte di ciò che è stato perso durante la pandemia.

READ  Radio L'Avana Cuba | Firma di un accordo di cooperazione tra i governi del Nicaragua e dell'Iran

Nel valutare la situazione nella regione, ha significato molta propaganda, infondendo ottimismo, ma è chiaro, soprattutto, in America Latina, che questo ritmo di ripresa lascia l’economia molto lontana da quella che era nell’ultimo trimestre del anno. 2019.

Il problema, ha spiegato, è che “il PIL è la somma della spesa pubblica, della spesa delle famiglie, degli investimenti e delle esportazioni meno le importazioni, il che significa che potrebbe essere stato recuperato, ma non la ricchezza delle famiglie o delle imprese”.

Per l’economista spagnolo si può parlare di una vera ripresa fino al 2023, se si tiene conto anche che la Commissione Economica per l’America Latina e i Caraibi ha confermato che il Covid-19 ha causato la più grande crisi dei mercati del lavoro in America Latina e nel Caraibi dal 1950.

Lo studio economico dell’America Latina e dei Caraibi ha aggiunto che il settore del lavoro nella regione è stato il più colpito da questa malattia a livello globale, il numero di lavoratori è diminuito del 9% nel 2020 e la ripresa prevista per il 2021 non consentirà di raggiungere il pre -livelli di crisi. 2021.

Inoltre, sebbene le misure di protezione sociale abbiano impedito un ulteriore aumento della povertà e della povertà estrema, si è verificata una ricaduta rispettivamente di 12 e 20 anni in questi due indicatori.

Inoltre è raddoppiato rispetto al 2019: otto persone su 10 vivono con redditi fino a tre volte la soglia di povertà.