Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’impennata del Covid in Italia alza il quarto tasso per gli under 50 | notizia

Una nuova ondata di coronavirus in Italia, con oltre 100.000 nuovi positivi questo venerdì, sta aumentando la pressione ospedaliera, portando gli esperti sanitari a proporre una quarta dose del vaccino per gli under 50 a partire da ottobre.

Secondo il bollettino di oggi sono state segnalate 100.690 nuove infezioni e 105 decessi, mentre sono stati effettuati 371.874 test tra antigenico e molecolare con un tasso di positività del 27%.

Le epidemie, seppur in calo rispetto a ieri, continuano il trend al rialzo della curva epidemiologica durante la stagione estiva, ricca di feste e turismo, per cui l'”uso delle mascherine ad alte concentrazioni” dovrebbe essere ritirato. Direttore della Prevenzione al Ministero della Salute, Gianni Ressa.

Gli epidemiologi hanno anche sollevato la possibilità di somministrare una quarta dose del vaccino contro il coronavirus agli under 50, over 80 e a quelli con sistema immunitario compromesso che sono idonei, da ottobre.

Lo ha indicato Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, in un’intervista a Sky, dove ha insistito sul fatto che l’importante per prevenire una nuova ondata di contagi è riavviare la campagna vaccinale, “soprattutto per i fragili, gli over 60-65”. anni o per patologia”.

Secondo i dati di questo venerdì, il 90,12% della popolazione sopra i 12 anni ha completato il ciclo di vaccinazione e l’83,48% ha ricevuto la terza dose.

Per quanto riguarda la pressione ospedaliera, venerdì sono stati registrati in terapia intensiva 361 pazienti, 51 in più rispetto a giovedì, e quelli ricoverati con sintomi in reparto sono stati 8.632, un aumento graduale che preoccupa perché “fortunatamente il tasso di occupazione della terapia intensiva” è ancora relativamente “bassa” la pressione ospedaliera è in aumento. , ha ricordato Ressa.

READ  Una furia sotto tre guardiani di Enrique Juliana

Il direttore della prevenzione ha anche evidenziato l’aumento della velocità di trasmissione (RT) del coronavirus, che “è ormai a 1,4” e che ha portato alla classificazione di alto rischio da parte dell’Agenzia sanitaria superiore italiana, Lazio compreso. Dove si trova Roma, oltre che Emilia-Romagna (centro), Veneto (nord) e Puglia (sud).

Agenzia Efe: Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione di qualsiasi tipo senza la preventiva autorizzazione scritta dell’Agenzia Efe.

Altro nelle Ande

(FINE) EFE/SC

Inserito: 7/8/2022