Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’impero Zara inizia una nuova era con l’arrivo di Marta Ortega al timone

Primo emendamento:

Madrid (AFP) – Il colosso spagnolo Inditex “prêt-à-porter”, casa madre di Zara, ha iniziato un nuovo capitolo della sua storia venerdì con l’arrivo di Marta Ortega alla guida dell’impero, che d’ora in poi guiderà l’impero fondato in un istante dal padre la chiave del tuo futuro

“Inizio questa fase (…) con un profondo senso di responsabilità”, ha scritto la figlia 38enne del miliardario Amancio Ortega in una lettera indirizzata a 174.000 dipendenti del gruppo spagnolo, leader mondiale della moda per tutti i pubblici . .

“Chiedo il vostro supporto e pazienza mentre continuo ad imparare da tutti ogni giorno”, ha aggiunto il nuovo presidente di Inditex, che fino ad ora è stato responsabile della supervisione del design e del lancio dei prodotti per gli otto marchi del gruppo.

Il più giovane dei tre figli di Ortega, che non ha organizzato nessuna festa pubblica o conferenza stampa in occasione del suo arrivo, succede a Pablo Isla, Presidente di Inditex dal pensionamento di Amancio Ortega nel 2011 e grande artefice della sua espansione internazionale.

Descritta come una donna riservata e riservata, Marta Ortega è stata vista per anni come una potenziale erede di suo padre. La sua nomina fu però annunciata solo in autunno, nell’ambito di una riorganizzazione organizzata dallo stesso Amancio Ortega.

“Ci stiamo preparando per questa transizione da tempo”, ha spiegato Isla a novembre. Ha sottolineato che “Marta lavora in azienda da quindici anni (…) ed è una persona che conosce bene l’azienda”.

“ben circondato”

Nato il 10 gennaio 1984 dall’unione di Amancio Ortega e della sua seconda moglie Flora Pérez, Marta Ortega, dalla figura snella e dai capelli biondi, è cresciuto ad A Coruña, una città della Galizia nell’estremo nord-ovest della Spagna, insieme a lei fratellastri Sandra e Marc.

READ  PayPal esplora il lancio della sua stablecoin per potenziare le criptovalute

Dopo aver studiato in una scuola cattolica in Galizia e in una prestigiosa scuola secondaria privata in Svizzera, si diploma nel 2007 alla European Business School di Londra, città dove muoverà i suoi primi passi, travestita, nel gruppo familiare, da commessa presso Zara.

Ma secondo El País, i suoi colleghi sono rimasti sorpresi nel vederla indossare un Rolex e hanno finito per scoprire la sua identità.

Le coppie Carlos Torreta e Marta Ortega posano alla sfilata dello stilista Narciso Rodriguez alla settimana della moda di New York il 13 settembre 2016. Vivien Killilea Getty Images Nord America / AFP / File

Non si sa ancora quali siano state le sue prime direzioni alla guida del colosso mondiale della moda. La sua nomina in autunno ha causato preoccupazione in alcuni settori finanziari e ha fatto precipitare il prezzo delle azioni di Inditex. Ma i timori iniziali sembrano essere svaniti.

Marta Ortega, che non aveva mai ricoperto una posizione dirigenziale in Inditex, era “ben preparata” e “ben circondata”, afferma Alfred Vernes, professore alla Esade Business School ed ex direttore esecutivo del gruppo tessile.

La presidenza del gruppo, ma non la direzione generale, sarà assunta dalla figlia di Ortega, che includerà Oscar Garcia Maceiras della Santander Bank. “Sarà lui a dover prendere le decisioni esecutive”, dice Vernes.

momento delicato

Nonostante ciò, l’arrivo dell’erede avviene in un momento importante per l’azienda galiziana, che negli ultimi anni ha raggiunto profitti record ma si trova ora ad affrontare uno dei momenti più complessi della sua storia.

Il leader mondiale della moda collettiva, valutato 62 miliardi di euro (circa 68.560 milioni di dollari), ha triplicato il suo profitto lo scorso anno a 3.240 milioni di euro. Ma l’invasione russa dell’Ucraina ha messo in ombra le prospettive per il 2022.

READ  Cos'è il social marketing e come applicarlo?

Il colosso tessile ha annunciato all’inizio di marzo la sospensione delle attività nei suoi 502 negozi in Russia, uno dei suoi principali mercati mondiali dopo la Spagna, che ne influenzerebbe i risultati.

“Questo esercizio sembra essere molto complesso, data l’esposizione di Inditex alla Russia e al resto d’Europa”, nonché “l’aumento dei costi di produzione” causato dall’inflazione record, afferma Crédit Suisse in una nota.

Il gruppo, fondato nel 1985 da Amancio Ortega, figlio di un ferroviere che è diventato l’uomo più ricco della Spagna, deve rilanciare il proprio business online di fronte alla forte concorrenza delle società di vendita online.

Soprattutto, dovrà puntare ad accelerare una “transizione verde” per ridurre il proprio impatto ambientale, attualmente molto elevato. “Isla lo ha fatto, ma non abbastanza”, afferma Alfred Vernes, che avverte che questo cambiamento fondamentale “avrà un costo” per l’azienda.