Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’incendio nella zona industriale di Cuba lascia un quadro desolante

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ago 2022 – 20:05

Laura Becker

Matanzas, Cuba, 10 agosto (EFE). L’odore di muri bruciati e carbonizzati e i resti di quella che era una casa lasciano un’immagine cupa ai margini della città di Versalles, insieme a quello che è stato il più grande incendio industriale nella storia cubana.

Sebbene l’incidente su larga scala sia stato “controllato” quattro giorni dopo, il calore dei focolai isolati e attivi si può ancora sentire, come verificato dal team di Efe che è riuscito a raggiungere l’area.

Per diversi giorni, da quel luogo alla periferia di Matanzas (ovest), si è alzata una densa nuvola di fumo nero e velenoso, intervallata da sporadiche esplosioni, alcune delle quali hanno preso fuoco per decine di metri, che hanno tenuto il Paese in stato di allerta per diversi giorni.

Quattro grandi serbatoi di carburante completamente bruciati e parte delle strutture circostanti.

Squadre antincendio specializzate, la Croce Rossa e altri stanno ora lavorando sul campo per spegnere quello che è già stato descritto come il più grande disastro industriale nella storia cubana.

La cittadina di Versailles, all’ingresso della zona industriale, ha evitato l’impatto immediato della tragedia, ma non lo shock.

Dopo che l’edificio è andato a fuoco sul bordo, il resto delle sue case era pieno, ancora chiuso ermeticamente e ermeticamente. Quando è scoppiato l’incendio venerdì pomeriggio, i proprietari sono dovuti fuggire, molti con a malapena vestiti.

La strada da Versailles agli otto giacimenti petroliferi, come avvertimento, è stata bombardata con resti di petrolio bruciato.

La situazione è notevolmente migliorata nelle ultime ore, anche se le autorità avvertono che i rischi permangono.

READ  Il presidente di Panama nomina una commissione per affrontare le rivendicazioni sociali

Incendio nel mezzo di una crisi energetica

L’incendio della fabbrica di Matanzas è scoppiato nel mezzo di una crisi energetica a Cuba, che ha subito un blackout di quattro mesi.

Solo a luglio, ha subito interruzioni in 29 dei 31 giorni del mese, secondo i dati dell’Unione elettrica di Cuba (UNE) compilati da Efe.

I serbatoi di base, con una capacità di stoccaggio di 50.000 metri cubi, sono tra i più importanti dell’isola, in quanto forniscono combustibile per le centrali termoelettriche del Paese, che sono responsabili dei due terzi della produzione di energia.

Soccorsa dalle fiamme anche la fabbrica Antonio Guitras, una delle più grandi del Paese, che però è stata colpita dall’incidente. A meno di 3 chilometri dalla base, solo mercoledì ha potuto sincronizzarsi con l’impianto elettrico nazionale dopo essere partito lunedì per problemi derivanti dall’incidente.

Le autorità inizialmente hanno affermato che l’incendio non avrebbe complicato il loro lavoro, ma hanno ammesso di avere scorte solo per 48 ore. La struttura soffriva anche di problemi di raffreddamento.

Attualmente, il governo cubano non ha pubblicato stime del costo economico dell’evento, che ha provocato un morto e 128 feriti, oltre a 14 dispersi (per lo più vigili del fuoco).

Inoltre, più di 4.000 persone sono state evacuate dalle loro case nei quartieri più vicini all’incidente e sono ospitate presso i parenti o in rifugi governativi improvvisati.

Sono alcuni che nei prossimi giorni – quando la situazione sarà considerata sicura – torneranno alle loro case e percorreranno, alla fine di Versailles, questo quadro desolante. EFE

lpp / jpm / lll

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.

READ  10 anni di attesa negli Stati Uniti per i sognatori