Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’incredibile storia di Yadam, musicista Diego Torres: lasciò Cuba, divenne cittadino danese e creò l’inno di combattimento per l’isola

Jerry Widham e Jean Magee “The Live”

Dove le mie gambe non possono portarmi

Quando hai bisogno di una mano

Il mondo è grande, posso contare su di te

Posso salire questa scala

Guarda fuori dalla finestra la gente viene

Quartiere, ti porto qui con me

clip “quartiere” Sanno che a volte con poco si può fare molto. musicista cubano Yadam Gonzalez insieme a Jerry C (Musicista e compositore argentino con sede a Miami) con la partecipazione di Dante Spinetta Come ospite, è una delle persone dietro la canzone che spiega la visita dell’atleta di Cordova Jan Magee si è trasferito nel quartiere di Padre Mujica dove hanno distribuito biciclette adatte a persone con disabilità. Nella stessa clip puoi vedere la trasformazione nei volti delle persone quando ricevono la chiave delle porte di un nuovo mondo.

È come ha detto lo stesso produttore nei suoi social network, “La musica è un mezzo di comunicazione” E se avesse saputo, chi tra gli altri è stato coinvolto nella creazione dell’argomento “Patria y vida”, che è diventato l’inno del popolo cubano e le rime che meglio illustrano i sentimenti delle migliaia di persone che vivono o hanno lasciato l’isola.

“El barrio”, la canzone che ha scritto con Gerry Cea e una collaborazione di Dante Spinetta per accompagnare la Fondazione Jean Maggi

“Asso” -Qualcosa come un amico o un fratello – come gli ha detto Diego Torres a cui produce e accompagna da sei anni, parlagli Programma televisivo sul modo in cui la musica lo ha portato e lo ha accompagnato in giro per il mondo, fungendo da passaporto per lasciare Cuba e vivere in luoghi con culture diverse come Danimarcale ripercussioni della canzone che ha regalato al suo paese che non visita da due anni, la sua amicizia con il traduttore di “Try to be better” e “Lone Esperanza” e Com’è andata la cooperazione e la registrazione nel trentunesimo distretto.

Riguardo alla canzone che ha debuttato la scorsa settimana, ha spiegato che in qualche modo è una continuazione “Mille modi” Il tema che ha creato per la musica limite infinito, Il film documentario che racconta la storia di Cordova Jan Magee, che ha scritto con Diego Torres la canzone “Hoy” dall’album Atlántico a Pie.

“La canzone è arrivata da Jerry, abbiamo chiamato Dante Spinetta e per lei siamo andati nei villaggi a consegnare le bici. È stata un’esperienza incredibile perché lei non solo conosce un’altra verità all’interno dell’immensa realtà dell’America Latina, ma oltre a questa è stata una shock emotivo, Essere in grado di essere una parte di aiutare e Contribuire a un settore che non ha accesso o assistenza. Contribuiamo con i nostri granelli di sabbia Donare le biciclette, il mio lavoro e il mio contributo è stata la canzone”, ha detto, aggiungendo che l’accoglienza delle persone è stata “sorprendente: non erano abituati a qualcuno che facesse un progetto”.

READ  Otto Picasso venduti per 92,5 milioni di dollari da Christie's

Inoltre, come implicito nella melodia, hanno visto con i propri occhi la trasformazione delle persone quando andavano in bicicletta con aria condizionata: “In molti casi non ne hanno mai provata una, e poi all’improvviso Si ritrovano con un senso di controllo sui loro movimenti e dispongono di mezzi di locomozione e indipendenza. È stato così emozionante e unico vedere questo incontro tra persone e qualcosa di così semplice per noi Ma non per loro». Lui, d’altra parte, capisce che è molto più della semplice materia “Un briciolo di speranza che possano fare le cose.”

Yadam è appassionato di musica da quando aveva dieci anni.
Yadam è appassionato di musica da quando aveva dieci anni.

Ultimo Confida che pubblicando l’argomento, sempre più persone si uniranno al progetto. Anche l’Unione Europea ha fatto questo e ha donato una bicicletta alla fondazione per ogni Paese che la incorpora.

Il produttore musicale è una delle persone a lui più vicine Diego TorresChi ha lavorato all’ultimo album Banda del razzo d’oroPasseggiata atlantica, con il quale ha stretto un’amicizia. “Lavoriamo insieme ininterrottamente da sei anni e sono felice, è un’esperienza molto bella lavorare con lui ed essere amici”, Disse la collusione La portano sul palco, dove fanno costantemente battute e fanno battute divertenti avanti e indietro.

Yadam con Diego Torres, compagni sul palco e amici nella vita
Yadam con Diego Torres, compagni sul palco e amici nella vita

“È così nella vita così come sul palco, e anche di più, perché a teatro si fa musica, si recita, ma è un riflesso che puoi lavorare ed essere musicale come lo sei nella vita, E questa è una cosa utile per chiunque lavori, non importa cosa”, ha detto e di dove e come si sono incontrati, ha riassunto: “Dalla musica. La musica mi fa incontrare tante persone, è infinita, è un ottimo mezzo di comunicazione.”

Sempre appassionato di quello che fa Ha iniziato a studiare musica all’età di dieci anni, a Cuba, e da allora si è dedicato “instancabilmente”. Il suo percorso nell’arte era “così naturale”, come lo descrive lui, che non si rendeva nemmeno conto che il suo futuro esisteva: “Fa parte della mia vita quotidiana, e lo apprezzo e ammiro vivere ciò che amo, ma il fatto che mi dedico ad esso e lo metta in pratica era inconscio”.

READ  La Marvel riporterà il potente Thor a Jane Foster?

Sebbene il suo amore per la sua professione sia iniziato all’Avana, La sua strada varcò il confine, quando all’età di 22 anni andò a vivere in Danimarca, dove iniziò a lavorare come insegnante di musica cubana al Conservatorio:Alla fine ho trascorso 8 anni lì, diventando cittadina danese. È incredibile come la musica possa cambiarti la vita”. Dal tipo di clima alla cultura e alla lingua, il cambiamento è stato onnicomprensivo, ma si considera un essere umano “aperto a cose nuove”: “Ha influenzato la creazione di un equilibrio tra il bene e il male nel cambiamento perché nulla è perfetto”.

Qual è stata la cosa più difficile per te nel lasciare Cuba?

È difficile rompere con lui La tua vita quotidiana, il tuo cibo, ma è difficile rimanere gli stessi e rimanere in una cultura mentale che significa che puoi rimanere nella stessa cerchia e non conoscere le esperienze. Ho deciso di emigrare, imparare cose nuove e altre lingue e vivere una vita diversa da quella che ho vissuto a Cuba.

“Adesso non sei lungo?”

—Ho sempre potuto viaggiare fino a due anni fa, Fino a quando non ho fatto “Patria y Vida” (La canzone è eseguita da Yutwill, Desimir Bueno, El Osorbo e El Funke e dalla band Gente de Zona in risposta allo slogan del regime “Homeland or Death”)Il mio paese è complicato e due anni fa non ci andavo a causa dell’epidemia e ora a causa di questa situazione è più complicato. Voglio andare a trovare mia madre, ma il paese non è in grado di fare viaggi turistici quando ci sono persone che attraversano situazioni complicate.

Yotwill, Gente de Zona, Desimir Bueno, Michael Osorbo e El Funke, “Casa e vita”

– “Patria e Veda” era prima e dopo, divenne un inno.

“Sì, non me lo aspettavo. Ho fatto parte della sua creazione con l’intenzione di fare qualcosa di buono e di dire qualcosa, ma è stata una canzone magica che ha permeato la storia sociale di Cuba.

READ  Se sei nato tra il 20 e il 25 maggio appartieni alla cuspide del Toro e dei Gemelli: questi sono i tuoi tratti personali | Società | rivista

Hype e cembali al cinquecento dell’Avana

Mentre sono a casa nelle padelle non hanno più una gamma

Cosa festeggiamo se le persone hanno fretta?

Scambia Che Guevara e Marty per valuta

Tutto è cambiato, non è più lo stesso

Un divario tra te e me

Annunciando il paradiso a Varadero

Mentre le madri piangono la scomparsa dei loro figli

Hai cinque nove anni, doppio due

Sessant’anni chiudono il domino

sopravvivere a Cuba
sopravvivere a Cuba

“Non so se è un contributo. Per alcuni sì e bandire (sic) agli altri. Tutto è alla ricerca della capacità di comunicare e Riportare ciò che sta accadendo è sempre positivo”. Ha parlato delle implicazioni dell’idea lanciata che ci dice quante persone dentro e fuori l’isola vedono il Paese oggi.

Ultimo considerato a “Una persona piena di spiegazioni per ogni fenomeno”ma quando viene chiesto Quello che pensava potesse succedere tra qualche anno nel suo Paese, ha detto, è uno dei pochi dubbi che ha avuto nella sua vita: “Non lo so, perché la ritengo una società così debole e con tanto di intrinseco e culturale , che è così complicato riformare da destare sospetti”. Infine, ha sottolineato che ciò che manca è che i cubani abbiano la possibilità di scegliere: “Se dovessi selezionare qualcosa che influisca sul mio Paese per essere migliore, sarebbe Libertà umana, che le persone, dalle persone ai leader e ai disertori capiscano cos’è la libertà umana e cosa significa avere il diritto di decidere ciò che si vuole”.

Produttore musicale Ha vissuto a Miami, negli Stati Uniti, per sei anniHa trascorso la quarantena ed è ora in Argentina, dopo essere stato in tournée con Diego Torres, dove torneranno nell’ottobre di quest’anno. Continua anche a lavorare con diversi artisti come produttore e compositore, come Fonseca, Carlos Rivera o Ricardo Arjona, oltre a voci emergenti.

Continuare a leggere: