Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione cambia le abitudini di consumo negli Stati Uniti ed espone le aziende a redditi più bassi

Chris Scharf, uno scrittore di sicurezza informatica, nota l’aumento dei prezzi nello stato di New York. Sono piccoli incrementi, ha detto, ma “Ovviamente sto prestando più attenzione”.

Se l’inflazione, che nel Paese si avvicina ai massimi da 40 anni, continua, Eric Schwartz, editore del Connecticut, prevede di tagliare le sue spese: meno viaggi in macchina, meno ristoranti e “più pasta”.

Nel frattempo, le società di distribuzione sono sul filo del rasoio. Tra i problemi di filiera, i prezzi elevati delle materie prime e gli alti salari dei dipendenti per mancanza di manodopera, i suoi costi salgono vertiginosamente. Tuttavia, dovrebbero comunque stare attenti a non aumentare troppo i loro prezzi per non scoraggiare i loro clienti.

D’altra parte, domenica scorsa, il venditore di pavimenti Armstrong Flooring ha dichiarato bancarotta per non aver aumentato i prezzi abbastanza da coprire l’aumento dei costi delle materie prime e dei trasporti.

Con l’aiuto del governo, gli aumenti salariali e il telelavoro, “i consumatori hanno speso livelli molto alti durante la pandemia”, ha affermato Marshall Cohen, specialista delle vendite al dettaglio presso la società di consulenza NPD. Ma con il ritorno della spesa per il tempo libero e dell’inflazione, i consumatori stanno diventando “più selettivi”.

dati duri

Secondo l’NPD, ad aprile le vendite di beni di consumo sono diminuite dell’1% in valore e del 7% in volume. Cohen riassume “Le persone spendono lo stesso, ma per meno prodotti”.

“Sebbene l’inflazione sia apparsa alcuni mesi fa, sta iniziando a entrare in vigore solo ora” perché i consumatori si rendono conto che non è temporanea, ha affermato Neil Saunders di GlobalData.

Reagiscono in modo diverso a seconda del loro reddito, alcuni tagliando quelle che considerano spese superficiali come le vacanze o gli abbonamenti in streaming, altri tagliando gli acquisti di abbigliamento o optando per marchi a basso prezzo.

READ  L'Argentina sarà il più grande produttore mondiale di litio, con 12 progetti in corso

Procter & Gamble, che vende saponi, dentifrici o pannolini, ha alzato i prezzi da giugno e prevede ulteriori aumenti nei prossimi mesi.

Il direttore finanziario dell’azienda, Andrei Schulten, ha affermato durante la presentazione degli utili del gruppo alla fine di aprile che l’ampiezza e la tempistica degli aumenti dipendevano da ciascuna categoria di prodotti.

Coca-Cola, che beneficia di una forte fidelizzazione dei consumatori, ha regolarmente aumentato i prezzi per un anno per trasferire i costi aumentati ai propri clienti. Il presidente dell’azienda, James Quincey, ha affermato di recente che è meglio farlo mentre i consumatori sono pronti ad accettarlo “piuttosto che lasciarlo alle spalle”.

Per il produttore di materassi Tempur Sealy, “il mercato ha ovviamente rallentato un po’” a marzo e aprile.

Agenzia di stampa francese