Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione in Italia è scesa al 9,1% su base annua a febbraio, secondo EFE

L’inflazione in Italia è scesa al 9,1% su base annua a febbraio, secondo EFE

L’inflazione in Italia è scesa al 9,1% su base annua a febbraio

Roma, 16 marzo (.).- L’inflazione su base annua in Italia è scesa a febbraio al 9,1%, in calo rispetto al 10% dello stesso mese dell’anno precedente, e ha registrato un aumento dello 0,2% rispetto a gennaio. Giovedì l’Istituto nazionale di statistica (Istat).

L’Istat ha rettificato i suoi dati preliminari riportati all’inizio del mese quando ha calcolato che l’inflazione è aumentata del 9,2% su base annua e dello 0,3% su base mensile.

Il rallentamento dell’inflazione è dovuto principalmente al forte calo su base annua dei prezzi regolamentati delle materie prime energetiche (da -12% a -16,4%).

L’inflazione core, che esclude l’energia e gli alimenti freschi a causa della sua volatilità, è aumentata al 6,3% dal 6% di gennaio.

A febbraio, i prezzi dei prodotti alimentari, della casa e della cura della persona sono aumentati dal 12% al 12,7% su base mensile, mentre i prezzi degli articoli nel carrello sono rimasti praticamente stabili dall’8,9% al 9%.

La previsione di inflazione per il 2023 è stimata al 5,4% per l’indice generale e al 3,7% per il core.

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) – che misura l’evoluzione dei prezzi in modo uniforme in tutti i paesi dell’area euro – è aumentato dello 0,1% su base mensile e del 9,8% su base annua (in rallentamento rispetto al 10,7% a gennaio) e la stima iniziale era del 9,9%.

Istad ha spiegato nella sua analisi che il calo è stato il risultato del “rapido consolidamento dell’inflazione (fino al 9,1%) e dell’allentamento delle tensioni sui prezzi dei prodotti energetici regolamentati e non regolamentati a febbraio”.

“Tuttavia, le pressioni al rialzo sui prezzi sono continuate nei settori degli alimenti trasformati e non trasformati, del tabacco e dei servizi”.

READ  James ha lasciato il Milan, pensano che i colombiani in Italia non abbiano alcuna condizione fisica