Maggio 23, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione record non ha smorzato l’umore di spesa degli americani a marzo

Negozio a Rosemead, California, il 21 aprile 2022. afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 apr 2022 – 18:21

(AFP)

L’indice dei prezzi di riferimento della Federal Reserve statunitense, PCE, ha toccato il livello più alto dal 1982 per 12 mesi a marzo, ma gli americani hanno continuato a spendere, dato noto a pochi giorni dalla riunione in cui la banca centrale rialzerà nuovamente i tassi di interesse.

L’inflazione è salita al 6,6% nei 12 mesi fino a marzo negli Stati Uniti e i prezzi sono aumentati dello 0,9% tra febbraio e il mese scorso, secondo l’indice delle spese per consumi personali pubblicato venerdì dal Dipartimento del Commercio.

Questo indicatore, seguito dalla Federal Reserve (Fed), rimane al livello più alto degli ultimi 40 anni.

La Federal Reserve terrà la sua riunione di politica monetaria martedì e mercoledì prossimo, dopodiché il nuovo aumento dei tassi dovrebbe scongiurare una spirale inflazionistica.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha già indicato che un aumento di mezzo punto percentuale del tasso di riferimento sarà “sul tavolo” nella riunione del 3-4 maggio.

L’altro indicatore dell’inflazione statunitense, l’Indice dei prezzi al consumo pubblicato all’inizio del mese dal Dipartimento del lavoro e un riferimento al calcolo delle pensioni, ha mostrato un aumento dei prezzi dell’8,5% nei 12 mesi fino a marzo, il più grande aumento da dicembre. 1981.

Le due metriche sono calcolate da diversi gruppi di beni e servizi, il che spiega la differenza in percentuale.

L’indice delle spese per consumi personali ha registrato incrementi in tutti i settori di beni e servizi.

“I prezzi dell’energia sono aumentati del 33,9% mentre i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 9,2%” nei 12 mesi, ha affermato il dipartimento in una nota.

L’impennata nel settore energetico è stata trainata dall’invasione russa dell’Ucraina dal 24 febbraio e dalle sanzioni economiche adottate dai paesi occidentali contro Mosca.

Escludendo i prezzi più volatili di generi alimentari ed energetici, l’inflazione core PCE è rimasta ugualmente elevata a marzo, al 5,2% su 12 mesi.

La spesa dei consumatori riflette in parte questo forte aumento dei prezzi, con incrementi dell’1,1% rispetto a febbraio.

Nel frattempo, le entrate sono cresciute leggermente al di sotto delle spese: 0,5% dopo lo 0,7% di febbraio.

– risparmio –

Gli economisti riconoscono che una maggiore spesa fa ben sperare per la crescita nel secondo trimestre.

La spesa per benzina e gas incide sul bilancio familiare, specie quello più modesto.

Ma gli esperti sottolineano che le famiglie con più potere d’acquisto tornano a viaggiare, a frequentare ristoranti, cinema e teatri e non sembrano temere i prezzi.

I consumi sono il motore storico della crescita americana e i servizi sono un settore importante negli Stati Uniti.

“Una rapida escalation dei prezzi non è sufficiente per dissuadere i consumatori dal spendere a marzo”, ha riassunto in una nota Lydia Bosor, economista di Oxford Economics.

Lo specialista osserva che dopo aver corretto i dati per considerare l’aumento dei prezzi, “le spese reali sono aumentate solo dello 0,2%”.

Per mantenere i consumi, le famiglie hanno utilizzato il risparmio, il cui reddito è aumentato solo dello 0,5%. Pertanto, il tasso di risparmio è sceso al 6,2% rispetto al 6,8% del mese precedente, attestandosi al livello più basso da dicembre 2013.

Gli economisti non vedono alcun problema nell’utilizzo dei risparmi che sono cresciuti durante la pandemia, quando la spesa è stata vincolata da restrizioni alla mobilità.

Secondo Bosour, “la tolleranza dei consumatori all’inflazione elevata continuerà a essere messa alla prova, ma l’aumento della spesa a marzo (…) costituisce una solida base (…) per la crescita del PIL nel secondo trimestre”.

READ  Offerte di lavoro Bezos pubblicate quando Amazon era un'azienda di pannolini