Novembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione, una spada sull’economia nordamericana

Scritto da Luis Manuel Ars Isaac

Corrispondente di Prensa Latina in Messico

È così che gli analisti di Goldman Sachs, Standard & Poors e studiosi del mercato azionario pensano ai mercati dell’Accordo tripartito di libero scambio noto con l’acronimo TMEC, sebbene i suoi leader, Andres Manuel Lopez Obrador, Joe Biden e Justin Trudeau mantengano almeno la speranza in pubblico. Nessuno dei due sarà accompagnato da inflazione e stagnazione economica.

López Obrador ha stimato che, nonostante le previsioni – che la Banca Mondiale dà quasi per scontate nel 2023 – non ci sarà recessione negli Stati Uniti, ma se peggiorerà sarà temporanea e transitoria.

Se la Banca Mondiale ha ragione, il Messico sarà ovviamente più colpito del Canada perché quest’ultimo paese non ha vincoli negli Stati Uniti e l’impatto sarà sulla catena del valore.

Nel frattempo, il Messico ha 40 milioni di cittadini degli Stati Uniti che versano fino a 50 miliardi di dollari all’anno alle loro famiglie, mantenendo un alto livello di consumo interno.

Il presidente messicano ha ammesso che i tre paesi stanno cercando modi per aiutarsi a vicenda, ma in particolare Messico e Stati Uniti, le cui economie sono fortemente dipendenti non solo dagli agglomerati, ma anche dagli intrecciati legami tecnologici e minerari.

Lopez Obrador ha affermato che questa sarà una delle questioni che sarà discussa con il presidente Biden nel suo incontro di luglio. Cioè: “Come ci aiuta se l’inflazione persiste e la crisi economica peggiora perché si può fare molto per integrare le nostre economie”.

Ha fatto l’esempio della produzione di combustibili in crisi a causa della guerra in Ucraina, ma la sua base – secondo il presidente messicano – è che il mondo, soprattutto il Nord America, ha perso la capacità di raffinare il greggio ed è quello che è ora. Cerca di ripristinare il Messico, come nel caso della liquefazione del gas.

READ  Due cubani tra gli oltre 300 migranti salvati in una roulotte abbandonata sull'autostrada federale del Messico

Ha riconosciuto che il ripristino degli standard di produzione su entrambe le linee richiede tempo, ma se lavorano insieme, le scadenze per risolvere la crisi possono essere abbreviate ed evitare estremi di stagflazione, o in caso contrario, non durerà.

Lo stesso potrebbe essere fatto con la produzione di energia elettrica se si utilizzasse la cooperazione, e ha affermato che se una batteria di centrali solari viene costruita a Sonora, in Messico, fino al confine con gli Stati Uniti, le linee di trasmissione non possono essere collocate solo a Baja. California messicana, ma esportata nella California americana.

Lopez Obrador ha rivelato che i due governi stavano lavorando a progetti di questo tipo e ha promesso di fornire informazioni in merito, anche se non ha detto se sarebbe stato all’ordine del giorno di luglio.

Per cercare di risolvere il grave problema

Nel frattempo, il governo si sta riorganizzando per cercare di contrastare l’inflazione, che è molto alta in Messico, anche se l’ha intrappolata a poco più del 7,0 per cento senza salire molto, ma in ogni caso è molto difficile per il grande pubblico .

L’incontro di luglio alla Casa Bianca è destinato a essere un momento chiave per entrambi i presidenti, che sono nella fase finale del loro mandato attuale che terminerà nel 2024 e, nonostante diverse cause e obiettivi, sono molto necessari per prevenire disastri economici.

Tuttavia, Goldman Sachs ha avvertito il Tesoro che l’amministrazione democratica deve confrontarsi con il fatto che ha il 30% o più di possibilità di scivolare in recessione fino al 2023, in un contesto di inflazione record e un debole contesto macroeconomico alimentato dalla guerra in Ucraina.

READ  La comunità uruguaiana a Cuba respinge le parole del presidente Luis Lacalle

La performance della Fed dà credito alle previsioni di Goldman, che ha approvato il più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994 per frenare l’accelerazione dell’inflazione, e altre banche centrali, incluso il Messico, stanno facendo lo stesso e adottando misure drastiche per inasprire la loro politica fiscale e monetaria, il che significa nuovo. ostacolo alla crescita.

Di fronte alle critiche alla sua leadership economica e politica, Biden si difende, nega la responsabilità dell’inflazione e rifiuta che la politica delle sanzioni sia troppo aggressiva e preoccupante contro la Russia – o non abbia cercato una soluzione diplomatica negoziata per evitare quella guerra – per essere al centro della situazione attuale.

Ha risposto con un’affermazione poco convincente che la recessione “non è inevitabile” e che l’inflazione può essere tenuta sotto controllo anche se è al livello più alto in quasi 41 anni.

Ignorando i gravi problemi causati dalla sua decisione di chiudere gli oleodotti russi, paralizzare le forniture di petrolio, gas e cibo dalla Russia – e quindi dall’Ucraina – all’Europa, e stringere il cappio tanto quanto “isolare” Mosca come una repubblica delle banane, Biden ha criticato le grandi compagnie petrolifere per aver approfittato dei prezzi alti e della mancanza di aumenti di produzione come dovrebbe.

Ha sottolineato che le aziende devono pensare al mondo a breve termine, non solo ai loro investitori.

“Abbi fiducia, perché sono fiducioso che siamo in una posizione migliore di qualsiasi altro paese al mondo per possedere il secondo quarto del ventunesimo secolo”, ha detto con tono imperiale.

Avviso di rischio

Tuttavia, il presidente della Banca mondiale David Malpass è rimasto all’erta sui rischi di stagflazione generalizzata, come ha osservato l’entità nel suo rapporto aggiornato sulle prospettive economiche globali, pubblicato il 14 giugno.

READ  La Francia è testimone del primo turno delle elezioni presidenziali

Ha accusato di ciò la guerra in Ucraina e la pandemia di Covid-19, che si sono entrambe aggiunte al rallentamento dell’economia globale.

Le attuali sanzioni contro la Russia sono uniche in termini di portata e velocità con cui sono state adottate, ha detto a BBC News Brazil lo scorso marzo l’economista Paulo Pasquarello, professore di finanza all’Università del Michigan.

Ma si differenziano dagli altri in quanto si riferiscono a un nucleare ea un Paese che, pur non essendo considerato un gigante economico, ha un ruolo geopolitico determinante.

Ha una dimensione e una portata che non ho mai visto prima in altre sanzioni nei miei 50 anni, e i suoi effetti sulla crisi economica russa dovrebbero interessare il resto del mondo, con i prezzi globali del petrolio in rialzo e un colpo all’inflazione.

È interessante notare che domenica 19 giugno il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha ammesso in un’intervista al programma ABC News di questa settimana che l’inflazione era “inaccettabilmente alta” in parte a causa dei tassi di interesse più elevati. I prezzi dell’energia e dei generi alimentari sono stati causati dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Biden è colpevole o meno dell’inflazione e delle sue terribili conseguenze?

Arabo / Elma