Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'inizio della fine del fast fashion?  I giovani causano un calo degli acquisti di moda in Spagna del 33%.

L'inizio della fine del fast fashion? I giovani causano un calo degli acquisti di moda in Spagna del 33%.



Alle 16:38

CEST


Eccedenza di Consumo di abbigliamento È uno dei maggiori impatti ambientali di cui soffre il pianeta Terra, a causa della brutalità Consumo d'acqua Cosa serve per produrre e emissioni derivanti da Trasferimento E altri fattori. E finora, la tendenza Moda veloce La promozione dei grandi marchi tessili può raggiungere il massimo, grazie ai giovani. Un rapporto specializzato dello stesso settore rivela che la generazione Y sta riducendo gli acquisti di abbigliamento, e l'ambiente è uno dei motivi.


Nel complesso, due consumatori su cinque ritengono che la moda sia dannosa per l’ambiente, secondo il rapporto “Fashion Before a Different Consumer”, preparato da Kantar Worldpanel.

Oggi ci sono meno acquirenti di moda, che comprano meno e spendono il 33% in meno in abbigliamento rispetto al 2008.

Secondo il rapporto, l'inflazione e la fiducia dei consumatori, insieme al contesto della difficile situazione internazionale, hanno un impatto diretto anche sullo sviluppo del settore tessile, considerato molto sensibile alle crisi.

“La fine della pandemia ha causato cambiamenti nel settore, nelle priorità dei consumatori e nelle abitudini di acquisto, quindi oggi ci sono meno acquirenti di moda, che comprano meno e che In abbigliamento spendono il 33% in meno rispetto al 2008 (Il prezzo medio allora era di 584 euro, ora è stato ridotto a 393 euro), spiega lo studio.



In questo momento il consumatore si è evoluto verso acquisti più orientati verso ciò che era assolutamente necessario, Per combattere l'inflazione, scegli rivenditori a basso prezzo e nuovi operatori Basso costo, Come è inOppure Pepco, Zeeman o Kik, che raddoppiano le tue opzioni.

READ  Samsung porta il risparmio energetico a un livello superiore, aggiungendo un risparmio del 10% oltre ai più elevati standard di efficienza

La somma di questi fattori ha portato alla stagnazione del settore, che non ha ancora raggiunto i livelli di fatturato pre-pandemia. Il valore del settore è cresciuto, ma a costo di non crescere in termini di dimensioni, “il che potrebbe mettere a repentaglio la crescita futura, poiché il ciclo inflazionistico sembra essere in via di esaurimento”.

Il consumatore ha comprato Hanno nuove abitudini di acquisto e hanno altre priorità. Il suo budget è inferiore a quello degli ultimi anni a causa dello squilibrio tra aumenti salariali e inflazione.


Ci sono differenze a seconda dell'età: Mentre i clienti Boom delle nascite L'anno scorso i giovani hanno acquistato il 6% in più di moda e i giovani hanno ridotto le loro spese dell'1,7%, a causa delle difficoltà economiche vissute da questa fascia di età e del cambiamento di valori vissuto dalla nuova generazione. Tutto ciò genera un’incertezza diffusa, che frena la crescita.


Peso dell'ambiente

A questa incertezza si aggiunge il fatto che la moda come settore deve diventare più sostenibile, “cosa che dovranno affrontare a causa delle necessità legali, poiché gli organi legislativi continuano ad avanzare in questa direzione”, afferma il rapporto.

Il 38,7% dei consumatori ritiene che la moda sia un settore dannoso per l'ambiente

Ora, questo adattamento del settore “significherà un cambiamento radicale”.Aumento dei prezzi dell'abbigliamento“, il che potrebbe contribuire a un calo delle vendite.

Il 38,7% dei consumatori ritiene che la moda sia un settore dannoso per l'ambiente Comincia a richiedere abiti realizzati con materiali riciclati. Tuttavia, solo il 31% dei consumatori è disposto a pagare i costi aggiuntivi che ciò comporta.

È chiaro che le generazioni più giovani hanno cambiato il loro comportamento di acquisto di moda rispetto ai baby boomer. Quest’ultima ha fatto crescere il settore per anni, ma i giovani mostrano altre preferenze nella loro spesa, “quindi il settore deve essere consapevole di questi cambiamenti e cercare di riconnettersi con queste fasce di età più giovani in modo che possano acquistare di nuovo”.

READ  La nuova Cina orientale ha perso il 90% del suo valore a causa della regolamentazione del settore dell'istruzione

Studio di riferimento: https://www.kantar.com/es/inspiracion/moda-belleza-y-lujo/la-moda-ya-no-se-lleva-entre-los-jovenes-y-el-sector-se-estanca

………….

Contatto Dipartimento dell'Ambiente: Crisisclimatica@prensaiberica.es