Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Iran ha invitato l’ambasciatore italiano in risposta all’invito di Roma all’ambasciatore iraniano

Madrid, 30 dicembre (Europe Press) –

Giovedì il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore italiano nel Paese, Giuseppe Peron, per protestare contro l’interferenza di funzionari italiani nella politica iraniana.

Il portafoglio del ministro è stato trasferito a Perron, che ha dichiarato: “L’Iran considera inaccettabile e illegittima la sua pratica di doppi standard in materia di diritti umani”.

“I paesi occidentali che violano i diritti iraniani, i diritti umani della nazione, ed è il popolo iraniano che subisce le loro sanzioni”, ha affermato il ministero, secondo l’agenzia di stampa Mehr.

Allo stesso modo, il Dipartimento di Stato ha osservato che “le posizioni negative e prive di significato di alcuni funzionari italiani non hanno nulla a che fare con la storia dei rapporti tra i due Paesi”.

L’incontro è avvenuto dopo che mercoledì il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha incontrato a Roma l’ambasciatore designato dall’Iran Mohammad Reza Sabouri per chiedere a Teheran di porre fine alla pena di morte e avviare un dialogo con l’opposizione.

“Contro la pena di morte, l’Italia si impegna a difendere i diritti umani e la democrazia”, ​​ha detto Tajani all’agenzia di stampa incontrando Saburi all’uscita da Palazzo Fornesina. dnaKronos.

Tajani ha espresso al rappresentante diplomatico iraniano “la preoccupazione e lo sdegno e la ferma condanna dell’Italia” per la repressione della resistenza da parte delle autorità, sulla scia delle proteste per la morte in custodia della polizia di Mahza Amini, arrestata per aver indossato un velo finto.

READ  Video | Euripista ha chiesto scusa al senatore per avergli detto di giocare a calcio con la testa di Pedro