Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Iran non ha fretta per quanto riguarda i colloqui di Vienna

Khatibzadeh ha sottolineato durante la sua conferenza stampa settimanale che i colloqui di Vienna non si sono fermati, ma c’è stata una pausa per le delegazioni. Ha aggiunto che il suo Paese ha mostrato flessibilità durante i negoziati condotti dal gruppo di lavoro iraniano con altre parti.

  • Saeed Khatibzadeh, portavoce del ministero degli Esteri iraniano.

Teheran non ha fretta per quanto riguarda i colloqui di Vienna. L’obiettivo primario è preservare gli interessi del popolo iraniano, Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh.

Il diplomatico ha sottolineato durante la sua conferenza stampa settimanale che i colloqui di Vienna non si sono fermati, ma che c’è stata una pausa per le delegazioni. Ha aggiunto che il suo Paese ha mostrato flessibilità durante i negoziati condotti dal gruppo di lavoro iraniano con altre parti.

Il portavoce ha aggiunto che l’Iran ha dato alle altre parti l’opportunità di tornare nelle loro capitali per consultazioni e poi esprimere la loro posizione sulle proposte iraniane quando riprenderanno i colloqui di Vienna.

Ha ribadito che l’Iran ha partecipato ai colloqui di Vienna con una seria determinazione ad abolire le sanzioni.

Khatibzadeh ha sottolineato che, secondo le bozze di proposta presentate dalla squadra negoziale iraniana alle parti dell’accordo nucleare, Teheran non ha toccato il meccanismo graduale per quanto riguarda l’annullamento delle misure di embargo.

Ha spiegato che l’entità sionista fin dall’inizio era contraria all’accordo nucleare.

Ha detto che i nostri colloqui a Vienna si basano su proposte avanzate dall’Iran per revocare le sanzioni e tornare al rispetto dell’accordo nucleare, e non sulla base di un accordo interinale.

ho notato che Chi non è membro dell’accordo nucleare non ha voce in capitolo nei colloqui, quindi è meglio che gli Stati Uniti tornino a rispettare i propri impegni nell’accordo nucleare piuttosto che bloccarne la riattivazione.

READ  Cambiano il commissario capo che sta supervisionando le indagini contro Bolsonaro e suo figlio

Durante la visita del consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati Arabi Uniti Tahnoun bin Zayed a Teheran, ha spiegato che fa parte di un programma per rafforzare le relazioni diplomatiche, politiche ed economiche tra i due paesi.

Ha indicato che anche la visita della delegazione siriana fa parte di un programma indipendente e che il ministro degli Esteri siriano incontrerà il suo omologo iraniano. Ha spiegato che le due visite non avevano nulla a che fare l’una con l’altra.

D’altra parte, Khatibzadeh ha chiesto alla Francia di evitare di lavorare in militarizzazione della regione.

In questo senso, ha sottolineato che era mirata la visita del Presidente francese in alcuni paesi della regione vendere armi Ciò non è nell’interesse della sicurezza e della stabilità della regione.

Ha sottolineato che le accuse del Segretario generale della Lega Araba contro l’Iran riguardo alla sua politica e all’estensione del suo controllo sullo Stretto di Hormuz non servono all’unità dei Paesi islamici.