Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia allenta le misure per combattere il COVID-19

Roma, 15 giugno (Prensa Latina) Le autorità sanitarie italiane hanno annunciato che da oggi ci sarà un allentamento delle misure contro il Covid-19, che include il blocco dell’uso obbligatorio della mascherina al chiuso.

E la necessità di utilizzare questo mezzo di protezione nei trasporti pubblici, come treni, aerei, navi, autobus e metropolitana, è rimasta in vigore fino al 30 settembre, secondo diversi media locali.

Tuttavia, secondo le fonti, è possibile che prima di tale data il governo annulli anche quest’ultima sentenza, che dipenderà dal miglioramento degli indicatori sanitari legati alla lotta a questa epidemia.

Da mercoledì cessa l’obbligo di vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2, che causa il Covid-19, per le persone con più di 50 anni, nonché per il personale scolastico e di polizia, ma rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2022 per coloro che lavorano nelle strutture sanitarie.

Andrea Costa, sottosegretario al ministero della Salute, ha confermato che l’intenzione del governo è di mantenere “pochissime restrizioni ancora in vigore”.

Il virologo Fabrizio Brigliasco ha valutato la possibilità di un nuovo aumento dei contagi, che potrebbe raggiungere “fino a 100mila nuovi casi al giorno”, ha osservato, e in tale scenario sarebbe possibile un ritorno alle restrizioni sociali.

Il 14 giugno le autorità sanitarie italiane hanno segnalato 39.474 nuovi casi di Covid-19 e 73 decessi nelle 24 ore, un aumento significativo rispetto ai 10.371 pazienti e ai 41 decessi registrati il ​​giorno prima.

E quella fonte ha precisato, sabato scorso, che dal 4 al 10 giugno il contagio da virus SARS-CoV-2 è stato rilevato in 121mila persone, in aumento di 27mila e 99 dai 93mila 901 contagiati tra il 28 maggio e il 3 giugno. .

READ  Guerra in Ucraina - Russia, in diretta

mgt / ort