Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'Italia consolida il “surplus” rispetto alla Spagna nell'implementazione del piano di salvataggio

L'Italia consolida il “surplus” rispetto alla Spagna nell'implementazione del piano di salvataggio

“La Spagna prende il comando nell'implementazione del piano di salvataggio.” Un messaggio che si ripete come un mantra da quando Bruxelles ha iniziato a fornire finanziamenti di prossima generazione ha perso la sua validità. La Spagna perde il primo posto e l’Italia si consolida come il Paese Ue più avanzato nel piano di uscita dalla pandemia. Ciò si riflette nella quinta richiesta tariffaria di Roma alla Commissione europea alla fine del 2023.

L'Italia voleva finire l'anno con i compiti. L'ente regolatore sociale ha annunciato questa settimana di aver ricevuto la quinta richiesta di pagamento del piano di salvataggio italiano, 10,6 miliardi di euro in prestiti e trasferimenti per raggiungere 22 tappe fondamentali e 30 obiettivi. Questa realizzazione comprende riforme legate agli appalti pubblici, alla revisione della spesa, alle norme sulla concorrenza o al monitoraggio delle riforme già adottate nel sistema giudiziario. Prevede investimenti nell’istruzione, nei trasporti pubblici o nel sistema pensionistico e di previdenza sociale.
La Spagna vuole onorare i propri obblighi entro il 2023. Alcuni giorni prima di Natale, ha presentato una quarta richiesta di pagamento alla Commissione europea per un piano di salvataggio in attesa della riforma dei sussidi di disoccupazione. Queste quattro tranche, legate alla seconda parte della riforma delle pensioni, hanno messo a disposizione 10.021 milioni di euro di fondi di prossima generazione. Nonostante la richiesta sia stata avanzata entro la scadenza del 2023, inizialmente, poiché era prevista per la prima metà dell'anno, si accumula un certo ritardo.
Sebbene entrambi i paesi abbiano dovuto aspettare due mesi per determinare se Bruxelles stava raggiungendo le tappe e gli obiettivi necessari, Roma è riuscita a trarre vantaggio da Madrid in questo modo. All'inizio di dicembre l'amministratore sociale ha approvato la quarta richiesta di pagamento dell'Italia per 16,5 miliardi di euro. La Roma accumula 101,9 miliardi di prestiti e concede, la metà dei finanziamenti, dei 194,4 miliardi stanziati, distribuiti 71,8 miliardi in fondi e 122.600 prestiti.
Il primo ministro italiano Gioggia Meloni ha sottoscritto il mantra proclamato dalla Spagna: “L'Italia sarà l'unico paese membro ad aver già ricevuto un quarto mandato”. Gran parte di questi progressi sono dovuti all’ex primo ministro italiano Mario Draghi, che allo stesso tempo ha scelto di chiedere sovvenzioni e prestiti al suo piano di uscita dalla pandemia. L'esecutivo spagnolo, da parte sua, ha rinviato la richiesta di crediti in attesa della revisione del piano di risanamento presentato in agosto.
Ad oggi, solo la Spagna ha richiesto e, quindi, ricevuto solo sovvenzioni per il piano di ripresa. Ciò porta a 9.000 milioni di euro su un totale di 163.000 milioni di euro, di cui 37.000 milioni di euro tra fondi di prossima generazione e prefinanziamenti assegnati nell’agosto 2021. Scambi di euro.
Con la quinta richiesta di pagamento, Roma consolida lo sgravio di Madrid come Paese più avanzato nel piano di ripresa. Un percorso che vale la pena ricordare gli ostacoli che l'Italia ha dovuto superare. Nel marzo di quest’anno Bruxelles ha ritardato l’erogazione della terza tranche di 19 miliardi di euro del piano di salvataggio italiano. Le preoccupazioni della Commissione europea hanno riguardato il sistema di licenze per le operazioni portuali e i progetti di riscaldamento e ristrutturazione urbana. Infine, a luglio, la Commissione Europea ha assegnato un finanziamento a Roma. Con l'obiettivo di soddisfare l'accantonamento è stato ridotto a 18,5 miliardi di euro.

READ  Gli immobili controlleranno i piani di spesa del prossimo governo italiano | Commento


Stiamo aspettando la quarta tranche di finanziamento


Pochi giorni prima di Natale, la Spagna ha inviato alla Commissione Europea la quarta richiesta di pagamento dei Next Generation Funds relativi alla riforma delle pensioni e alla seconda parte della riforma dei sussidi di disoccupazione. La vostra domanda con un contributo di 10.021 milioni di euro era prevista per la prima metà del 2023, la scadenza è stata finalmente prorogata alla fine dell'anno. Questa quarta fase comprende riforme legate all’efficienza energetica nelle case, alla conservazione della biodiversità, ai sistemi di irrigazione, alla gestione dei rifiuti, al sostegno alla digitalizzazione e alla sicurezza informatica. Sono inclusi investimenti importanti, come la realizzazione di infrastrutture per veicoli elettrici o ferrovie.