Gennaio 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia è il maggior esportatore dell’UE in Afghanistan

L’ultimo volo dell’aereo italiano è arrivato nel Paese con 58 afgani sabato mattina, lasciando a 4.900 il numero dei civili nel territorio afghano. Allo stesso modo, i membri del personale diplomatico e di sicurezza a Kabul sono tornati oggi.

Roma, nel frattempo, spera di espellere più civili con l’aiuto delle Nazioni Unite (ONU), delle ONG e delle nazioni regionali. “I cittadini dell’Afghanistan stanno ancora aspettando la loro evacuazione, ma non possiamo più farlo con il ponte aereo”, ha detto De Mayo.

Ha aggiunto: “La prima fase finisce ma inizia ora il periodo più difficile. La seconda fase non deve abbandonare il popolo afghano, le donne afghane, i giovani, tutti coloro che hanno espresso desiderio di evoluzione”.

L’Italia è stato uno dei Paesi più coinvolti, insieme a Stati Uniti, Turchia, Regno Unito e Germania. Funzione “supporto determinato” L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), che addestra e istruisce le forze di sicurezza afghane.

L’ultimo contingente militare italiano, poche decine di soldati, ha lasciato il Paese a giugno.

Finora, il ministero della Difesa italiano ha detto che 53 soldati sono stati uccisi e 723 feriti nell’operazione. In totale, il paese ha già di stanza 50.000 soldati in Afghanistan per vent’anni.

READ  Macron partirà giovedì per l'Italia per affrontare le relazioni bilaterali prima dell'incontro con il Papa venerdì.