Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia è interessata a partecipare al programma FX giapponese. E la tempesta?

Il ministro della Difesa italiano ha annunciato la possibilità che il suo Paese aderisca al programma FX, che mira a costruire il jet da combattimento di prossima generazione per il Giappone.

A seconda del sito nippon.comIl ministro della Difesa italiano Lorenzo Curini ha espresso interesse per la possibilità che il suo Paese si unisca alle fila dei successori dei caccia F-2 della Difesa Aerea giapponese.

In un incontro di martedì al ministero della Difesa giapponese a Tokyo, i due ministri hanno concordato di rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza tra Giappone e Italia.

Hanno riaffermato l’importanza di inviare insieme il messaggio che si oppongono a qualsiasi tentativo unilaterale di cambiare la situazione pensando apertamente e persuadendo le azioni egemoniche della Cina.

– Pubblicità –

Inoltre, Kishi e Gurini hanno condiviso l’opinione che l’aggressione della Russia contro l’Ucraina sia una grave violazione del diritto internazionale. Hanno convenuto che i paesi con valori fondamentali comuni dovrebbero lavorare insieme per affrontare la crisi ucraina.

L’Italia lascia il Team Tempest?

L’Italia sta attualmente partecipando al progetto Tempest, insieme a Svezia e Regno Unito (facilitatore del progetto) per sviluppare sistemi di dominio aereo di prossima generazione. Questo è un programma simile a USAF NGAT e FCAS franco-tedesco-spagnolo.

Cosa significa questa dichiarazione del ministro Gurini per il Triangle Storm Plan?

Non molto all’inizio. Qualsiasi azione intrapresa dall’Italia in merito alla sua partecipazione al progetto FX o alla sua continuazione nel Team Tempest sarà antecedente ad anni di trattative.

Ma ci sono alcune divergenze di opinione da parte della Roma su come ciò accadrà, poiché questo non è il primo annuncio italiano sul futuro dello spettacolo a cui parteciperanno.

READ  Hanno accusato un giovane di aver ucciso e tagliato fuori suo padre: come hanno scoperto la trama delle sue bugie?

Nel novembre dello scorso anno, il generale Luca Corrett, comandante dell’Aeronautica Militare Italiana, aveva promesso piani FCAS e Tempest alla fine si fonderannoQuesto perché è irragionevole per l’Europa investire così tante risorse in due progetti che produrranno gli stessi risultati.

“Ma è naturale che questi due fatti si uniscano perché è impensabile investire ingenti risorse finanziarie in due progetti equivalenti”, disse Coretti all’epoca ai membri delle Commissioni parlamentari di sicurezza italiane.

Ma ciò che ha detto il generale Gorett non era l’unica cosa rilevante. Ha anche commentato che l’Italia ha scelto di aderire al progetto Tempest perché riteneva di poter svolgere un ruolo più importante del progetto FCAS.

Alla luce di queste affermazioni, l’approccio italiano al programma FX giapponese potrebbe indicare che non tutti sono coerenti all’interno del programma guidato dal Regno Unito.

Partecipazione britannica a FX

D’altra parte, le società del Regno Unito sono coinvolte nello sviluppo di FX Accordo tra i due paesi Fornire supporto tecnico per accelerare il progetto giapponese.

Rolls-Royce fornirà assistenza tecnica per costruire il motore e le parti di un futuro aereo da combattimento giapponese. Leonardo ha una joint venture tra società britanniche e giapponesi GiaguaroSviluppa sensori di nuova generazione per FX e Tempest.

Non è un segreto che Londra stia attivamente cercando da tempo di unirsi a Tokyo nel Team Tempest e di abbandonare il suo percorso personale.

Mitsubishi FX

Pertanto, i buoni rapporti dell’Italia con il Giappone possono essere studiati in diversi modi. Vero interesse a lasciare il Gruppo Tempest ed esplorare altre opzioni, sia come stratagemma per riconsiderare il suo coinvolgimento nel Piano Tripartito o per costruire un ponte che colleghi strettamente i piani della Guerra di Sesta Generazione. Tutto è aperto alla speculazione.

READ  L'Italia è pronta a inviare 3.400 soldati nella Nato