Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ha multato l’azienda americana Clearview per averne identificato il volto

Prima modifica:

Roma (AFP) – La Commissione italiana per la protezione dei dati personali ha sanzionato la società tecnologica americana Clearview AI per 20 milioni di euro (circa 22 milioni di dollari) per il riconoscimento facciale per aver introdotto un sistema di “tracciamento biometrico” per le persone che vivono in Italia.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, la commissione ha affermato di aver “ordinato alla società di cancellare i dati di tutte le persone che si trovano in Italia e di impedire in futuro la raccolta e l’elaborazione di tali dati da parte del suo sistema di riconoscimento facciale”.

Clearview AI, che afferma di avere un database di 10.000 milioni di immagini di volti in tutto il mondo, dovrebbe nominare un rappresentante in tutti gli Stati Uniti non residenti nell’UE, quindi “I diritti delle parti interessate.

Secondo l’indagine della società dopo diverse denunce e segnalazioni, “Clearview AI, contrariamente a quanto afferma, monitora i cittadini italiani e le persone che vivono in Italia”.

“Biometrici e geolocalizzazione, trattati illegalmente senza un’adeguata autorizzazione legale”, sottolinea l’autorità.

Nel maggio 2021, le ONG guidate da Privacy International hanno presentato una denuncia contro Clearview AI per aver venduto la sua tecnologia di riconoscimento facciale a vari servizi di polizia in Francia, Grecia, Austria, Italia e Regno Unito.

Nel febbraio 2021, un rapporto del Commissario per la privacy del Canada ha rilevato che la società aveva condotto una “sorveglianza di massa” illegale in Canada.

Il rapporto afferma che l’azienda statunitense ha compilato un database di “immagini di oltre tre miliardi di volti”. La società è uscita dal mercato canadese durante le indagini.

READ  Italia: Giovanni Simeone e La Toro Martinez 'gol rispettivamente per le piste di Hellas Verona e Inter

A dicembre, la Commissione nazionale francese per l’informazione e la libertà (CNIL) ha formalmente chiesto a Clearview di “smettere di raccogliere e utilizzare dati da individui nel territorio francese che non sono legalmente vincolanti”.