Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia invia parte del Partenone ad Atene dopo che Elgin Marbles è stato spinto nel Regno Unito.

L’Italia ha annunciato che restituirà parte delle sculture del Partenone alla sua nativa Grecia, ed entrambe le parti sperano che diventi un punto di svolta permanente per l’Inghilterra per rimpatriare i marmi del Partenone estratti da Lord Elgin all’inizio del secolo. XIX.

Il Museo Archeologico Regionale della Sicilia ha firmato mercoledì un contratto di prestito quadriennale con il Museo dell’Acropoli di Atene in cambio di una statua e una tazza di piccolo marmo bianco.

Ma l’obiettivo finale, il Museo Archeologico a. Salinas de Cecilia è, in un comunicato, il “ritorno indefinito” del pezzo ad Atene.

“Questo è un evento importante per noi, ed è un momento importante perché riunisce due dei musei più antichi e preziosi del Mediterraneo: il Museo Salinas, che è il museo più antico. SiciliaNon è necessario conoscere il Museo dell’Acropoli di Atene, poiché è uno dei musei più famosi e conosciuti al mondo “, ha affermato Caterina Greco, direttrice del museo.

“Questo scambio riunisce queste due strutture all’insegna di una collaborazione culturale che rafforza ulteriormente l’identità culturale che unisce la Sicilia alla Grecia: lo scambio di manufatti, la promozione di sforzi collaborativi e un intero processo. Unirà il nostro museo ad Atene per molti anni”, ha continuato.

Metà delle sculture superstiti del V secolo a.C. adornano il tempio del Partenone nell’Acropoli Museo britannico A Londra, si è opposto a lungo alle richieste greche per il suo ritorno.

Tuttavia, piccoli frammenti sono custoditi anche in altri musei europei.

Il pezzo donato dall’Italia, il piede destro della dea greca della caccia ad Artemide, si trova a 160 metri a est delle patatine intagliate che originariamente correvano intorno al tempio.

READ  L'Europa è ancora una volta l'epicentro dell'epidemia

Arrivò a Palermo attraverso l’ambasciatore inglese in Sicilia del XIX secolo, Robert Fogan, sebbene Fogan, un archeologo dilettante, non sapesse come avesse ottenuto il pezzo.

Una teoria suggerisce che Elgin potrebbe aver dato la maggior parte degli antichi marmi del Partenone al British Museum nel 1816, prima di venderli al British Museum nel 1816.

Dopo la morte di Fagan, la vedova vendette il pezzo al Museo Regio dell’Università di Palermo. Il rapporto afferma che Salinas è diventato un museo regionale.

Il rapporto citava funzionari greci che affermavano che la mossa è stata “apprezzata” dalle autorità greche nella speranza che avrebbe incoraggiato il British Museum a restituire le sue sculture.

I pezzi in questione, i frontoni dell’edificio e le 17 figure di una parte delle patatine fritte, sono da tempo oggetto di polemiche tra Gran Bretagna e Grecia, che ha rinnovato il suo impegno per riportare in patria i marmi.

La Gran Bretagna sostiene che Elgin acquistò legalmente le sculture quando la Grecia era governata dagli Ottomani.

Il governo greco afferma che sono stati rubati e devono tornare per essere esposti al Museo dell’Acropoli, aperto nel 2009.

Questo pezzo è stato accreditato ad Atene in passato, ma solo per un breve periodo nel 2002 e nel 2008.

I funzionari regionali in Sicilia hanno avviato trattative con il Ministero della Cultura per rendere permanente il debito e lo hanno inserito nell’agenda del Comitato di Gabinetto per occuparsi di tali entrate.

L’Italia è in prima linea negli sforzi internazionali per recuperare manufatti saccheggiati e finiti da musei e collezioni private di tutto il mondo.

È tornato al mercato del restauro dopo aver scoperto oggetti d’antiquariato o opere d’arte che erano stati introdotti illegalmente nel paese.

READ  Il momento perfetto in cui un fulmine colpisce il tetto di un'auto con dentro una famiglia

In cambio dell’acquisizione di una porzione della gamba, il Museo dell’Acropoli riporta al Museo di Palermo una statua in marmo di Atena del V secolo a.C. e un’ambra in terracotta in stile geometrico lineare della metà dell’VIII secolo a.C. .