Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia non si aspetta nuove misure sugli utili delle società energetiche

File foto: Fiamme a gas nella cucina di una casa privata a Pat Honef, vicino a Bonn, Germania, l’11 ottobre 2021. REUTERS / Wolfgang Rattay / Immagine del file

MILANO, 6 apr. (Reuters) – L’Italia non prevede di intraprendere nuovi passi per massimizzare i profitti delle aziende energetiche. Lo ha detto mercoledì il ministro per il cambiamento ambientale Roberto Singolani.

“No, direi che tutto ciò che dobbiamo fare in questo momento è garantire la sicurezza energetica… questa è la priorità numero 1”, ha detto Singolani a Radio Italiana.

L’Italia spera di raccogliere 4,4 miliardi (4,36 miliardi di dollari) dagli sforzi di ripresa lanciati all’inizio di quest’anno come parte di un pacchetto per aiutare le imprese e i consumatori a far fronte all’aumento dei costi energetici.

Roma teme che l’invasione russa dell’Ucraina possa far aumentare i prezzi dell’energia se le forniture di gas da Gasprom venissero interrotte.

L’Italia importa il 40% del proprio gas dalla Russia e cerca alternative e diversifica l’offerta.

Tsongolani ha detto che ci vorranno circa tre anni prima che la Russia emetta completamente gas in Italia, aggiungendo che l’Italia è attualmente in trattative con sette paesi per chiedere più gas.

“I negoziati con alcuni di loro sono molto avanzati”, ha detto.

Martedì, il ministro ha affermato che l’Italia prevede di ricevere altri 10 miliardi di metri cubi di gas dai gasdotti in Algeria, Libia e Azerbaigian.

(Rapporto Stephen Yux; Agnieszka Flock Editing, tradotto da Thomas Gobos)

READ  L'Italia è in vantaggio sulla FIBA ​​e non giocherà contro la Russia