Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia si prepara al vertice del G20 in Afghanistan

Il governo di Roma, che detiene la leadership del Rich Nations Club, sta cercando “sforzi per la stabilità” in Asia centrale dopo la vittoria dei talebani.

Il governo romano, che quest’anno guiderà il G20 a rotazione, sta muovendo i primi passi nell’organizzazione di un vertice in Afghanistan nelle prossime settimane, con membri del club selezionato che rappresentano l’80% del PIL e il 60% della popolazione mondiale e del pianeta .

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha parlato di uno “sforzo per la stabilità” nel Paese dell’Asia centrale, a seguito di una conversazione telefonica con il suo primo ministro britannico, Boris Johnson, mercoledì sera dopo essere stato catturato dai talebani. Del G7. Troy ha avuto colloqui oggi con il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente russo Vladimir Putin sulla questione dell’Afghanistan.

Nel frattempo, per esplorare l’ascesa del potere dei talebani, i leader del G7 hanno convocato oggi una riunione virtuale dei ministri degli esteri degli Stati membri per parlare in un altro incontro a distanza convocato la prossima settimana, concordato da Johnson e dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Secondo il quotidiano ‘La Repubblica’, la diplomazia italiana è già al lavoro per organizzare un vertice dei leader afghani e di 20 potenze economiche mondiali, con il vertice del G20 già previsto per il 30 e 31 ottobre a Roma. Le tre principali questioni sul tavolo sono la crisi dei rifugiati dopo la vittoria dei talebani, l’ascesa di gruppi terroristici internazionali protetti in Afghanistan e il rispetto dei diritti umani fondamentali nel Paese dell’Asia centrale.

In un’intervista a Roy martedì scorso, Drake ha descritto il G20 come “il quartier generale da cui iniziare” come una collaborazione internazionale in risposta alle sfide poste dal nuovo Afghanistan. Il Primo Ministro ha citato Cina, Russia, Arabia Saudita e Turchia come attori chiave nel G20, tutti membri del G20. Come attuale capo dell’organizzazione, l’Italia si impegna a fornire “sede adeguate a questa cooperazione, che deve dare risalto alla tutela dei diritti fondamentali secondo il governo romano, e naturalmente ai diritti e alla tutela delle donne che si sono manifestate per molti anni nella difesa di quei diritti”.

READ  Progetti culturali per un tour in Italia questo autunno

La situazione delle donne afghane sarà al tavolo della riunione del G20 del 26 agosto a Santa Margherita Ligor, vicino a Genova. È la prima volta che questo organismo si occupa esclusivamente di questo problema. “Abbiamo un impegno chiaro nei confronti delle donne afgane e di coloro che lavorano per i loro diritti dall’Italia e dall’Europa. Ci impegniamo a portare in pochi giorni a Santa Margherita Ligor il G20 delle donne”, ha affermato Elena Bonetti, ministro per le Pari opportunità e la famiglia in l’amministrazione guidata da Drake.

Nella preparazione di questi incontri, la diplomazia italiana si è concentrata sul rimpatrio dei proprietari che ancora soggiornano in Asia centrale. Un aereo che trasportava 86 passeggeri è arrivato a Roma questo mercoledì da Kabul, la maggior parte dei quali personale afghano e le loro famiglie. Si prevede che altri due voli arriveranno nella seconda e nelle prossime ore dopo che l’aereo è atterrato con 74 rientri lunedì scorso. In un’intervista a Rakhi, Draghi ha riconosciuto che “c’è un piccolo gruppo di soldati e diplomatici all’aeroporto della capitale afghana per aiutare a evacuare i restanti italiani, i collaboratori afgani e le loro famiglie”.