Settembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia sosterrà finalmente l’espulsione della Russia dal sistema bancario Swift

L’Italia sostiene l’espulsione da parte della Russia dell’ente bancario Swift REUTERS / Dado Ruvic / Illustration

Primo Ministro d’Italia Mario Tracy ha promesso il suo pieno sostegno al presidente ucraino Volodymyr Zhelensky per le sanzioni dell’UE contro la Russia, inclusa l’esclusione dell’istituto finanziario internazionale SWIFT.Lo ha annunciato sabato il governo italiano.

“L’Italia riafferma al presidente Zhelensky che l’Italia sostiene e sostiene pienamente la tassa dell’UE sulle sanzioni contro la Russia, compreso lo SWIFT”, ha affermato il governo italiano in una nota dopo una conversazione telefonica tra i due leader.

“Questo è l’inizio di una nuova pagina nella storia dei nostri Stati Mario Draghi ha sostenuto l’assistenza di sicurezza disconnessa della Russia Swift in una conversazione telefonica. L’Ucraina deve far parte dell’Unione Europea”, ha scritto Volodymyr Zhelensky sul suo account Twitter. Questo sabato, dopo una notte violenta in cui la Russia ha attaccato direttamente Kiev.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi
Il Presidente del Consiglio Mario Draghi

La Society for World Interbank Financial Telecommunication è conosciuta con l’abbreviazione Swift, che è un consorzio di istituzioni finanziarie, principalmente banche, che consentono transazioni internazionali. Il motivo principale per cui Swift è così spesso conosciuto è perché è un codice internazionale che fornisce un servizio di messaggistica crittografato che consente transazioni finanziarie internazionali per i suoi partner.

In parole semplici, Se la Russia viene rimossa dallo SWIFT, influenzerà direttamente la sua economia, senza l’opportunità di effettuare transazioni internazionali che coinvolgono aziende, istituzioni, fabbriche, banche e altro ancora.

“Se la Russia viene disconnessa dallo SWIFT, non riceveremo valuta estera, ma gli acquirenti, in primis i paesi europei, non riceveranno le nostre merci: petrolio, gas, metalli e altri componenti importanti”, ha affermato Nikolai Zhuravlev, vicepresidente. La camera alta del parlamento russo, secondo TASS, un media statale consultato dalla CNN.

READ  Stephen Chauz non correrà al Giro d'Italia

In questo modo, la Russia non sarà in grado di ricevere o inviare denaro all’estero, supponendo che provocherà un grave shock a tutte le sue aziende e clienti, in particolare agli acquirenti e agli esportatori di petrolio e gas.

L’annessione dell’Ucraina all’Unione Europea

Dopo una conversazione telefonica con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel sabato, Zhelensky ha scritto in un tweet che “è ora di porre fine al lungo dibattito e decidere sull’adesione dell’Ucraina all’Unione europea”. “Un nuovo giorno al fronte diplomatico”.

Zhelensky ha discusso con il politico belga “gli aiuti utili e la lotta eroica per il libero futuro degli ucraini”.

Inoltre, il presidente ucraino ha parlato con il presidente francese Emmanuel Macron e ha promesso in un altro tweet sulla telefonata che “le armi e le attrezzature dei nostri alleati andranno in Ucraina”.

“La coalizione contro la guerra sta funzionando!”, ha promesso dopo una notte dura con i militari su tutti i fronti dopo la guerra che la Russia ha lanciato giovedì contro l’Ucraina.

Questa mattina l’esercito ucraino si è scontrato con le unità russe nelle strade di Kiev, che avrebbero potuto bombardare una guarnigione dell’esercito a ovest della capitale del Paese. L’infiltrazione nemica sarebbe stata esclusa, secondo i militari, che affermano di aver rimosso la colonna motorizzata del nemico.

La colonna russa, composta da carri armati, camion e altri veicoli militari, ha tentato di avanzare nell’area metropolitana di Prestiskaya.

Continua a leggere: