Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ITF ha confermato che la Coppa Davis 2023 andrà avanti “come previsto” dopo la separazione da Cosmos

La Coppa Davis non è in pericolo. Dopo aver appreso che l’accordo di 25 anni tra l’International Tennis Federation (ITF) e Kosmos Holding, guidato dall’ex calciatore Gerard Pique, per gestire e sviluppare la Coppa Davis era scaduto dopo meno di cinque anni, l’ente ha rilasciato una dichiarazione. Garantire il futuro dell’evento.

“L’International Tennis Federation può confermare che la sua associazione con Tennis Cosmos per la Coppa Davis è terminata, ma la competizione non è in pericolo, quindi l’edizione 2023 si svolgerà come previsto”, si legge in una nota. Assicurati che ci sia “emergenza finanziaria” E che condurrà le qualificazioni e le finali del 2023 come previsto, con la Final Eight a Malaga (Spagna) a novembre.

Ha spiegato l’organizzazione dopo essersi separata da Kosmos, che ha promesso di investire $ 3.000 milioni in Tennis.

L’ITF ha negoziato un importante accordo per il tennis nel 2018: la federazione ha aumentato la partecipazione, i premi in denaro e l’interesse per la Coppa Davis e ha generato denaro per sostenere lo sviluppo globale del nostro sport.

Dopo vari sforzi per rafforzare il torneo, nel torneo dello scorso anno quattro nazioni, tra cui la Gran Bretagna, hanno ospitato una fase a gironi a settembre, prima che i quarti di finale, le semifinali e la finale si giocassero a Malaga (Spagna) a novembre. Infine, il Canada ha alzato il trofeo mentre l’organizzazione ha evidenziato il successo di presenze con 176.740 spettatori presenti alla fase a gironi e alla finale, rispetto ai poco più di 100.000 del 2021.

Da parte sua, “Kosmos Holding” ha rilasciato oggi un comunicato in cui ricorda che “Kosmos e ITF non sono riusciti a raggiungere un accordo per rinegoziare il modello di business, nonché il prezzo attuale e futuro richiesto da ITF”. “Queste commissioni, che sono state notevolmente ridotte durante la pandemia, sono variate nel corso degli anni di cooperazione e recentemente sono nuovamente aumentate”.La società ha indicato che Cosmos ha pagato per intero le quote del 2022 e ha anche indicato che il premio in denaro verrà pagato in modo tempestivo quando i requisiti dei paesi saranno soddisfatti.

READ  L'arbitro Craig Napier, la prima persona a dichiararsi gay nel calcio scozzese

Inoltre, ha confermato che Kosmos rimane strettamente legato al settore del tennis professionistico attraverso il management di Kosmos, che ha recentemente aggiunto i tennisti Borna Toric, Elina Svitolina e Andrey Rublev all’elenco degli atleti rappresentati.

Ha anche osservato che la società continuerà con i suoi altri progetti di successo come Kings League, FC Andorra e Balloon World Cup, così come le sue varie unità di business: Kosmos Management, Kosmos Studios, Kosmos Team, Goatch, Koi (entrambe create con Ibai Llanos streamer) e Kosmos Media.