Giugno 6, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo scrittore Salman Rushdie avverte di vietare il libro in Florida

(CNN) – Lo scrittore Salman Rushdie, sopravvissuto a un attacco a coltellate lo scorso anno, ha fatto una rara apparizione pubblica al PEN America Gala giovedì sera a New York per ritirare un premio.

Rushdie ha parlato alla cerimonia tenuta dal Literary Advocacy and Freedom of Expression Group e ha affrontato il clamoroso applauso che ha seguito la sua esibizione sul palco. “È bello tornare indietro, invece di non tornare indietro, che era anche un’opzione. Sono così felice che i dadi siano stati lanciati in quel modo”, scherza il romanziere nel suo attacco di pre-morte.

“Tutti noi che abbiamo partecipato a PEN abbiamo passato gran parte della nostra vita a combattere per conto di scrittori di altri paesi”, ha detto Rushdi, ex presidente dell’organizzazione. “Stasera, riconosciamo il coraggio di uno scrittore iraniano, e lo abbiamo fatto più e più volte (con) scrittori di tutto il mondo. Ma in questo momento, abbiamo un problema in questo paese”, ha detto.

“E PEN deve affrontare questo problema frontalmente, come abbiamo fatto in altri paesi. L’attacco ai libri, l’attacco all’istruzione, l’attacco alle biblioteche, in—come dire—Florida, non è mai stato così grave”, ha affermato. ha detto. Combattere è più importante che mai.

“Sono stato molto orgoglioso di apprendere ieri che PEN America, insieme agli editori di Penguin Random House, ha intentato una causa in Florida”, ha affermato l’autore. Gruppo di difesa ed editore Ha citato in giudizio Mercoledì contro il distretto scolastico della contea di Escambia, in Florida, per La sfida di rimuovere diversi libri su questioni razziali e LGBT Biblioteche scolastiche.

“È molto importante, beh, speriamo di vincere. Dobbiamo vincere”, ha detto Rushdie.

READ  Seven Deadly Sins: Four Knights of the Apocalypse presenta il suo primo teaser

Susan Nossel, direttrice esecutiva di PEN America, ha dichiarato alla CNN dopo la cerimonia che il discorso di Rushdie “è stato un momento molto importante per tutti i nostri sostenitori e sostenitori della libertà di parola in tutto il mondo”.

Rushdie ha accettato il Freedom of Speech Award “a nome di coloro che sono venuti in mio soccorso e mi hanno salvato la vita”.

Ha detto: “Non ho mostrato il valore reale”. Ha detto che le persone che si sono precipitate a salvare la vita di Rushdie erano gli “eroi”. Rushdie ha detto: “Non conosco i loro nomi, non ho mai visto i loro volti, ma a questo grande gruppo di persone devo la mia vita”.