Agosto 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo Speziale italiano vince l’oro nella staffetta 4x100m ai Mondiali di Nuoto | Gli sport

L’ultimo giorno dell’Italia è finito Mondiali di nuoto a Budapest Ha scosso gli Stati Uniti nella staffetta mista 4×100 metri. La prova di dedicare al campionato la squadra più completa ha confermato la posizione strepitosa del nuotatore italiano, bronzo ai Giochi di Tokyo. Cattura l’oro mondiale Quartetto iniziato dal campione dei 100 dorso (51,93 secondi) e dal campione dei 100 rana (57,47 secondi) di Niccol மார Martinengi. A conferma di un vantaggio che puntava al record mondiale, la farfalla Federico Bardiso (50.63V) e il gigante Alessandro Miressi hanno terminato il lavoro negli ultimi 200 metri nei liberi (47.36V).

Ai Giochi di Tokyo dell’anno scorso, Medley ha stabilito un record mondiale correndo in 3 minuti e 26,78 secondi. La presenza del califfo Dressel in quella partita lasciò gli Stati Uniti in uno stato di ignoranza. Senza una capriata a Budapest, gli italiani si sono trovati sulla soglia di una possibilità unica. Non l’hanno sprecato. I campioni sono stati annunciati Meno di un secondo record: 3m 27.51V. Gli Stati Uniti hanno vinto l’argento in 3m 27.79s e la Gran Bretagna ha vinto il bronzo in 3m 31.312s. Gli australiani sono caduti dal podio, ma Kyle Salmers, come sempre, ha preso parte alla staffetta stile libero più veloce: 46.89v.

Questo è il primo grado nella storia della staffetta ibrida italiana. Ha portato il quinto oro su un totale di dieci medaglie. L’Italia non ha mai vinto così tante medaglie ai Mondiali. Harvest era terzo nel medagliere, quattro squadre sotto gli Stati Uniti (17 ori) e Australia (6 ori), Canada (3), Francia, Svezia, Ungheria e Romania, ciascuna con due ori. Grazie rispettivamente ai talenti di Leon Merchant, Sarah Sjostrom, Christoph Milak e David Popovici.

READ  L'Italia ospita un vertice sulle assicurazioni in vista del vertice del G20

Il giorno in cui l’Italia è stata incoronata come la grande espressione della Coppa del Mondo. Poiché la competizione ha messo in luce la Cina (che ha prodotto solo un oro e quattro bronzi) per più di un decennio, nessun paese è cresciuto più dell’Italia dai Mondiali del 2019. Il passaggio dell’infezione sembra raro. Gli italiani hanno battuto gli italiani, vincendo la staffetta e chiudendo l’ultima sessione con l’oro di Baltrinieri nei 1.500, l’argento di Benedetto Plato nei 50 rana e il bronzo di Thomas Sekon nei 50 dorso.

Spagna, senza finali

Sulla sponda opposta del partito italiano, la Spagna ha coperto con bandiera nera la sua partecipazione. Una squadra di nuoto online composta da Alberto Lozano, Carles Coll, Hugo González, Sergio de Cells, Carlos Garach, Paula Otero, Jéssica Vall e Angela Martínez ha lasciato la piscina. Le statistiche indicano che questa è la peggiore Coppa del Mondo nella storia della Spagna. La squadra non ha avuto finaliste in finale e ha perso solo in tre semifinali grazie al nuotatore della Stamford University Hugo Gonzalez de Oliveira.

Nessuno degli spagnoli ha migliorato il proprio marchio personale e alcuni lo hanno degradato a limiti orrendi. Hanno nuotato con il piombo ai piedi in una performance che i direttori tecnici hanno definito “ingiustificabile”. Sean Kelly, il direttore delle prestazioni nazionali della federazione, e Ricardo Barreda, il direttore dei programmi nazionali, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che era contraddittoria. “Ci fa male quando un Paese come la Spagna non ha i suoi migliori nuotatori”, hanno dichiarato i responsabili, osservando come fosse possibile non selezionare i migliori. “Questo è un dato di fatto”, hanno aggiunto, aggiungendo che “il sistema non ha funzionato… La Spagna ha solo cinque medaglie olimpiche negli ultimi 30 anni”.

READ  Sei Nazioni: l'Inghilterra ha battuto l'Italia 33-0

L’ultima di queste creature abbreviate è il resto virtuale di Mirea Belmondே, lasciando un vuoto come un cratere.

Puoi seguire le partite di EL PAÍS Facebook Y TwitterOppure registrati qui per ottenerlo La nostra newsletter settimanale.