Novembre 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo Sri Lanka ha respinto la decisione guidata dall’Occidente

Il ministro degli Esteri Ali Sabri si è rammaricato del fatto che una bozza di risoluzione sullo Sri Lanka sia stata ripresa, nonostante i progressi compiuti a livello nazionale in materia di riconciliazione e diritti umani e il continuo impegno costruttivo della nazione insulare con il Consiglio per i diritti umani, secondo una dichiarazione rilasciata a Colombo.

Più della metà dei membri del consiglio non ha sostenuto la risoluzione e sette paesi, vale a dire Bolivia, Cina, Cuba, Eritrea, Pakistan, Uzbekistan e Venezuela, hanno votato contro, mentre 20 paesi si sono astenuti e 20 paesi l’hanno sostenuta.

I rappresentanti di Pakistan, Brasile, Cina, Venezuela, Giappone e Corea del Sud hanno rilasciato dichiarazioni a sostegno dello Sri Lanka prima del voto.

Il Brasile ha rilevato la necessità di evitare di politicizzare il lavoro del Consiglio, ha affermato la sua posizione secondo cui la cooperazione del paese interessato è essenziale per il successo delle iniziative del Consiglio e ha evidenziato la responsabilità della comunità internazionale di sostenere lo Sri Lanka nella sua ripresa. Attraverso la cooperazione e l’assistenza internazionale.

La Cina ha apprezzato l’impegno dello Sri Lanka nel promuovere e proteggere i diritti umani, promuovere lo sviluppo sociale ed economico sostenibile, migliorare gli standard di vita, proteggere i diritti dei gruppi vulnerabili, facilitare la riconciliazione nazionale e combattere il terrorismo.

Pechino ha espresso il suo rammarico per il fatto che la decisione sia un prodotto della politicizzazione e non svolga alcun ruolo positivo nella promozione dei diritti umani in Sri Lanka.

Ha sottolineato che il lavoro del consiglio dovrebbe essere guidato dai suoi principi fondanti e che tutte le parti dovrebbero promuovere un dialogo e una cooperazione genuini e astenersi dal seguire doppi standard.

READ  Google Pay: risparmia e paga

Ha anche respinto la pratica di utilizzare i diritti umani come scusa per interferire negli affari interni e minare la sovranità di altri paesi.

Il Consiglio per i diritti umani è composto da 47 membri, di cui 13 paesi africani, 13 dell’Asia e del Pacifico, otto dell’America Latina e dei Caraibi e 13 dell’Europa.

rgh / abm