Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’olandese Verbig ha preferito la sportività alla medaglia

Kai Verbig è stato il campione del mondo nei 1000 m di pattinaggio di velocità.

La star olandese ha avuto una grande possibilità di vincere una medaglia venerdì alle Olimpiadi di Pechino.

Ma con una decisione istantanea di sportività, Verbig ha perso ogni possibilità di rivendicare un posto sul podio.

In effetti, ha preso l’ultimo posto.

Verbig si è spostato di lato all’ultimo incrocio del rettilineo, sapendo di non avere la velocità per superare il canadese Laurent Dubroy.

Piuttosto che rischiare di causare un incidente, Verbig ha alzato la schiena e ha rallentato per allontanarsi da Dubereuil, che si è arrampicato per l’argento.

Senza possibilità di medaglia, Verbig è scivolato verso il traguardo. Ha concluso la stagione a più di 3,5 secondi dal penultimo posto, l’americano Austin Kleppa.

Verbig ha ammesso: “Mi rattrista non riuscire a trovare un buon momento”. “Ma Laurent ha pattinato molto veloce nei primi 600. Succede. Dopo il secondo indoor, mi sentivo come se non avessi abbastanza velocità per superare un cambio di corsia. Quindi ho rinunciato. Altrimenti sarei stato squalificato e probabilmente lo avrei fatto hanno rovinato la loro prestazione”.

Nel pattinaggio di velocità, i corridori devono cambiare corsia alla fine del rettilineo per ogni giro perché la corsia ovale interna di 400 m copre una distanza inferiore rispetto alla corsia esterna.

Un pattinatore che si sposta dalla corsia esterna a quella interna ha la priorità e di solito non ci sono problemi con il cambio.

Ma Dobriel, la cui miglior distanza era di 500 metri, è uscito con una velocità eccezionale e lo ha lasciato allo stesso livello di Verbig alla fine del penultimo giro.

READ  Boca Juniors vs. Difesa e Giustizia - Rapporto del Partito - 10 maggio 2022

Invece di provare a fare una mossa rischiosa, Verbig ha lasciato il posto al suo avversario.

“Non posso ringraziarti abbastanza”, ha detto Dobrill. “È stata una decisione di classe e professionale. È un amico, quindi quando avrò superato – gli darò un po’ di tempo – lo ringrazierò”.

“È un peccato che 250 metri siano legati per il taglio”, ha detto Dobrill.

Thomas Kroll, che ha vinto la medaglia d’oro, si è lamentato del fatto che il suo compagno di squadra olandese non ha avuto la possibilità di mostrare cosa poteva fare.

“Mi dispiace davvero per lui”, ha detto Kroll.