Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’OMS avverte di alti tassi di trasmissione di omicroni per delta-escambrae

Micron sembra avere un vantaggio di crescita rispetto a Delta, grazie alla sua rapida diffusione in Sudafrica e nel Regno Unito, l’ultimo paese con alti livelli di infezione.

L’OMS ha ignorato che è stata dimostrata una minore attività neutralizzante del virus contro le varianti circolanti e il ceppo genitore.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lunedì ha avvertito che la variante Omicron del covid potrebbe superare il delta nei luoghi in cui la trasmissione comunitaria è più evidente.

Un rapporto pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità rileva che Micron “sembra avere un vantaggio di crescita rispetto a Delta, data la sua diffusione più rapida in Sudafrica e nel Regno Unito, l’ultimo paese con alti tassi di infezione.

Hanno aggiunto che rimane incerto “se il rapido tasso di crescita degli omicroni osservato nei paesi con alti livelli di immunità nella popolazione è associato all’evasione immunitaria, all’elevata suscettibilità alla trasmissibilità intrinseca o ad entrambi”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che, sulla base di “test preliminari e del profilo antigenico significativamente alterato di questa proteina ad alto contenuto di micron, si propone di ridurre l’efficacia del vaccino contro l’infezione e la trasmissione associata a questo nuovo ceppo”.

Per inciso, l’ente sanitario ha ignorato che è stata dimostrata una minore attività neutralizzante del virus contro le varianti circolanti e il ceppo originale, nei sieri applicati a individui precedentemente iniettati e infetti.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità spera che l’efficacia dei trattamenti per la gestione dei pazienti con MERS-CoV grave o grave associato alla variante omicron continuerà ad essere efficace. “Tuttavia, gli anticorpi monoclonali devono essere testati individualmente per il legame con l’antigene e la neutralizzazione del virus e tali studi dovrebbero essere una priorità”.

READ  L'Europa lascia l'estate alle spalle

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato: “Quando la salute è a rischio, tutto lo è. Per questo motivo, la salute non dovrebbe essere vista come un costo, ma piuttosto come un investimento in società produttive, resilienti e inclusive. Richiede il raggiungimento della salute per tutti è andare oltre il settore sanitario. Ha spiegato che richiede un approccio da parte dell’intero governo e dell’intera società, che comprende l’economia, la finanza, le infrastrutture, l’edilizia abitativa, i trasporti, l’energia e l’ambiente.