Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Londra dice addio al Kings Head Theatre, l’angolo opposto del teatro britannico

Londra dice addio al Kings Head Theatre, l’angolo opposto del teatro britannico

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ago 2023 – 17:56


Guglielmo Garrido

Londra, 13 agosto (EFE). – Londra domenica saluta il suo più antico coffee theatre, il famoso King’s Head, sempre all’avanguardia tra i drammaturghi e dove giganti del teatro britannico come Jennifer Saunders, Hugh Grant o il compianto Alan Rickman hanno forgiato il loro successo.

Lo spazio teatrale alza il sipario sulla sua attuale collocazione, dopo più di mezzo secolo, per trasferirsi in una nuova e più ampia collocazione situata “alla porta”, in una location molto vicina a quella attuale e in data ancora da destinarsi essere determinato, ha spiegato ai funzionari dell’EFE.

Fondato all’inizio degli anni ’70 (1970), in quello che era il retro e la sala biliardo di un pub dell’epoca nel centro di Ingleston, King’s Head, dal suo proprietario e poi direttore artistico fino alla fine dei suoi giorni, Dan Crawford innamorato del teatro.

“Era un teatro della classe operaia, spettacoli pionieristici all’ora di pranzo. L’idea era di venire in un pub, bere la tua birra e goderti uno spettacolo con il cibo”, ha detto a EFE Sophie Berenger, la produttrice artistica di questo singolo. Bar.

Il Kings Head Theatre si è sempre adattato agli interessi della società britannica sin dal suo inizio, con una notevole sfumatura politica negli anni ’70 e ’80.

Negli anni ’90 e nel nuovo millennio, fedele all’esplosione del pop e delle “boyband” dell’epoca, sono stati realizzati contenuti drammatizzati derivati ​​dal genere operistico, mentre ora, come riflesso di una società più aperta e pluralista, uno spettacolo rispondente le preoccupazioni della comunità LGTBI.

READ  Kevin Feige ha giustificato la sua decisione di non scegliere un altro attore per interpretare T'Challa nel MCU: "Era troppo presto"

Triste per la sua chiusura, questo iconico centro culturale ha organizzato un gala domenicale in cui alcuni di coloro che sono saliti sul palco in quel momento, come gli artisti Mark Gatiss, Ian Hallard o la veterana Linda Marlowe, hanno ripreso ruoli che hanno favorito la sua carriera.

“Ero agli albori del teatro”, ha detto a EFE Marlowe, 83 anni, che per più di mezzo secolo in questa singola piazza ha messo in scena e diretto un numero infinito di opere teatrali, e oggi, nella performance finale Between These Walls, dare il tocco finale all’inizio, con l’azione “Diamond”.

“È stata una grande esperienza per me, soprattutto per il teatro alternativo. Atti che non sarebbero mai andati nel West End – è lì che si trova il grande teatro britannico a Londra – probabilmente perché erano più rischiosi”, ricorda l’attrice australiana.

Marlowe è solo uno di quei nomi illustri nella storia di questo teatro. Anche altri come Hugh Grant o Jennifer Saunders hanno un posto nella memoria e le pareti sono ricoperte di immagini di molti altri attori che hanno mosso i primi passi sul palco.

All’epoca, “vedere carriere emergenti, provare qualcosa di nuovo e correre dei rischi” faceva parte del segno distintivo del luogo leggendario, afferma Sophie Berenger.

“È molto importante avere questo tipo di teatri, soprattutto per i giovani”, aggiunge il veterano Marlowe, riferendosi a quei neofiti che “vogliono ottenere un lavoro di recitazione e farsi un nome nel West End”.

L’esclusivo teatro Kings Head era così importante per la scena londinese che molti dei suoi pezzi hanno varcato il confine nel grande teatro.

READ  Bastian Iglesias, amico di Chanel

La sua impronta distintiva non andrà persa quando chiudi il retro del pub dove il leggendario teatro è rimasto per mezzo secolo e si è trasferito “accanto”, dice Berenger. EFE

gg/ha/ppdp

(Video) (Foto)

© EFE 2023. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA