Agosto 15, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità conferma che “la variante omicron non cambia la natura della sfida che dobbiamo affrontare”

Tutto rimane com’è. Questa è la conclusione a cui è arrivato mercoledì Organizzazione mondiale della Sanità (Organizzazione Mondiale della Sanità) per quanto riguarda Alla variante omicron del coronavirus, almeno mentre gli studi scientifici ricevono maggiori informazioni su questo argomento. Ha sottolineato che questa nuova mutazione del virus “non cambia la natura della sfida che stiamo affrontando”. Mike Ryan Direttore del Programma di Sanità Pubblica della suddetta agenzia.

Al momento non è possibile confermare che questa variante sia più contagiosa della precedente, o che i suoi sintomi siano meno gravi, è stato detto. “E’ troppo presto per confermare tutto questo e dobbiamo aspettare i risultati finali degli esami”, ha aggiunto.

Vaccinazioni ogni sei mesi

In merito alla possibilità di vaccinare ogni sei mesi, Ryan ha spiegato che “dovrà passare più tempo” per prendere una decisione definitiva in merito, aggiungendo che è anche troppo presto per dire se la variante omicron Ha un effetto sui bambini diverso dalle precedenti mutazioni.

“Dobbiamo continuare ad agire nella stessa direzione e prendere le massime precauzioni”, ha aggiunto. “A tutt’oggi, con le informazioni che abbiamo, i delta sono ancora l’alternativa più pericolosa”.

Omicron, dominante nel 2022?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche spiegato che i nuovi casi globali di Covid-19 sono diminuiti la scorsa settimana dopo quasi due mesi di aumenti e ha indicato che i progressi della variante omicron, che sta lentamente iniziando a sostituire il delta, Potrebbe renderlo il più grande dominante nella pandemia di quest’anno.

Dal 6 al 12 dicembre sono stati registrati sul pianeta quattro milioni di casi di COVID-19, 5% in meno rispetto alla settimana precedente, Mentre i decessi, la cui curva è stata relativamente piatta da ottobre, sono diminuiti del 10% a 47.000, secondo l’ultimo rapporto epidemiologico dell’Organizzazione mondiale della sanità.

READ  Immigrati irregolari negli Stati Uniti chiedono una riforma dell'immigrazione - Juventud Rebeldi

L’ECDC avverte che un vaccino da solo non ferma il virus

In parallelo con Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha indicato mercoledì che la vaccinazione da sola non è sufficiente per fermare l’effetto della variante dell’omicron, ma piuttosto che devono essere prese misure “forti” per ridurne la trasmissione e mitigare la salute pubblica.

In una dichiarazione, l’agenzia ha avvertito della necessità di “proteggere le popolazioni più vulnerabili” nei prossimi mesi e non c’è abbastanza tempo per raggiungere questo obiettivo con gli attuali vaccini.