Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede quest’anno una significativa diminuzione di Covid-19 e Mpox

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, presentando il punto di vista dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, ha espresso la sua fiducia che quest’anno si possa affermare che la malattia causata dal coronavirus SARS-Cov-2 non è più un preoccupazione per la salute globale. Emergenza.

Tedros ha sottolineato che se la tendenza attuale continua, siamo fiduciosi che possa essere dichiarata anche la fine dell’emergenza vaiolo delle scimmie, o Mpox come è stato recentemente chiamato.

In particolare per quanto riguarda il Covid-19, il Comandante in capo dell’OMS ha commentato che i criteri per dichiarare la fine dello stato di emergenza saranno uno dei punti all’ordine del giorno del Comitato di emergenza dell’OMS che si riunirà questo mese.

Anche se l’emergenza sanitaria internazionale sarà dichiarata conclusa, Tedros ha avvertito che il virus non se ne andrà, “è qui per restare, e tutti i Paesi dovranno imparare a gestirlo insieme ad altre malattie respiratorie come l’influenza e il virus respiratorio sinciziale”. (RSV), che sono ora ampiamente diffuse in molti paesi.

Nel 2022, sono stati segnalati all’OMS quasi 360 milioni di casi, più della metà dei casi di Covid-19 sono stati segnalati dall’inizio della pandemia e più che negli ultimi due anni messi insieme, mostrano le statistiche di fine anno.

Il tasso di positività al test è quasi triplicato nei 12 mesi appena trascorsi rispetto ai primi due anni di malattia messi insieme.

Sempre in passato, quasi 1,2 milioni di persone sarebbero morte a causa del Covid-19. Attualmente ci sono tra 8.000 e 10.000 morti a settimana.

Si tratta di una diminuzione dei decessi rispetto agli anni precedenti. La scienza è una delle ragioni principali. Vaccini e trattamenti hanno contribuito a tenere sotto controllo l’epidemia dopo tre anni.

READ  Lula riceverà un premio in Francia per aver incarnato la speranza del Brasile

Tuttavia, Tedros ha affermato che tra le sfide, una persona su cinque nei paesi a basso reddito è stata vaccinata, mentre l’accesso a diagnosi e cure vitali rimane inaccettabile e diseguale.

Si è ritenuto molto probabile che il carico di casi sarebbe aumentato solo dopo questa malattia, oltre alla persistenza di ampie lacune nella sorveglianza, che presuppone una debolezza non solo nel rilevare nuove varianti, ma anche nel controllare la diffusione di altre infezioni.

Nonostante abbia considerato la possibilità di porre fine all’emergenza sanitaria globale da parte del Covid-19, l’Organizzazione mondiale della sanità ha osservato che il mondo deve ancora capire come è iniziata.

In questo senso ha chiesto alla Cina di condividere i dati e di fare gli studi necessari per capire meglio le origini di questo virus, senza escludere alcuna ipotesi, perché è ancora tutto sul tavolo.

All’inizio di questo mese, gli Stati membri dell’OMS redigeranno la prima bozza del Trattato internazionale contro le epidemie, un accordo giuridicamente vincolante sulla prevenzione, la preparazione e la risposta alle epidemie, basato sui principi di equità, solidarietà e sovranità, che inizieranno a discutere a febbraio.

Per quanto riguarda alcune delle altre 53 emergenze classificate in tutto il mondo, con oltre 200 focolai fino al 2022, il direttore generale dell’OMS ha indicato il vaiolo con oltre 82.000 casi in 110 paesi, sebbene il tasso di mortalità sia rimasto basso, con 65 morti.

Fortunatamente, il numero di casi segnalati nelle ultime settimane è diminuito di oltre il 90% dalla dichiarazione di emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale a luglio.

Tedros ha anche annunciato che è iniziato il conto alla rovescia per la fine dell’epidemia di Ebola in Uganda, dopo che non sono state registrate nuove infezioni in più di due settimane e nessun paziente era ancora in cura. “Se non vengono rilevati nuovi casi, l’epidemia sarà dichiarata il 10 gennaio”, ha affermato.

READ  Scioperi e chiusure stradali intensificano le proteste a Panama

In breve, ha salutato il fatto che il mondo abbia concluso un anno difficile con alcune notizie incoraggianti: Covid-19, Mpox ed Ebola sono in declino.

Eppure ci sono altre crisi come la siccità nel Corno d’Africa o la recrudescenza del colera in 29 paesi, tra cui Haiti, dove ci sono migliaia di casi confermati e sospetti e decessi segnalati, dopo più di tre anni senza nessuno.

E l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ritenuto che, nonostante le epidemie, le guerre e altre emergenze umanitarie facciano notizia, la salute della popolazione mondiale è ancora minacciata da molte cause che non compaiono spesso nelle notizie, come il tabacco, che uccide di più di otto milioni di persone in tutto il mondo l’anno.

Ha anche richiamato l’attenzione su diete malsane che causano alti tassi di obesità, diabete, cancro, malattie cardiovascolari e altri, o progressi contro l’HIV, la malaria e la tubercolosi che sono rimasti fermi o sono regrediti.

“Guardando avanti al 2023, ci sono molti motivi di speranza e molti motivi di preoccupazione. L’OMS rimane impegnata come sempre per aiutare a costruire un futuro più sano, più sicuro e più giusto per la popolazione mondiale”.

jha/crc