Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ucraina riconquista la periferia di Kiev, a Mariupol continuano i combattimenti

Lyopolis, Ucraina (AP) – Martedì le forze ucraine si sono scontrate con quelle russe per difendere la città di Mariupol e hanno affermato di aver ripreso un sobborgo strategico di Kiev, intensificando una difesa così ostinata da alimentare i timori che il presidente russo Vladimir Putin stia intensificando la guerra.

“Putin è contro il muro”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che questa settimana è volato in Europa per incontrare gli alleati. “Più sei con le spalle al muro, più acute sono le tattiche che puoi usare.”

Biden ha ripetuto le accuse secondo cui Putin stava considerando di ricorrere all’uso di armi chimiche o biologiche, anche se il portavoce del Pentagono John Kirby ha affermato che gli Stati Uniti non avevano visto prove che suggerissero che una tale escalation fosse imminente.

Gli avvertimenti sono arrivati ​​mentre gli attacchi continuavano dentro e intorno a Kiev e Mariupol.

L’esercito ucraino ha dichiarato all’inizio di martedì di aver espulso le forze russe dal sobborgo strategico di Makarev dopo una feroce battaglia. Il territorio restaurato ha permesso all’unità ucraina di riprendere il controllo di un’importante autostrada a ovest e ha impedito alla capitale di essere circondata da nord-ovest.

Ma il ministero della Difesa ucraino ha affermato che le forze russe che combattevano per Kiev sono riuscite a riconquistare parti di altri sobborghi del nord-ovest: Bucha, Hostomil e Irpin, alcuni dei quali furono attaccati quasi dall’inizio dell’invasione russa alla fine del 20° secolo. Lo scorso mese.

Le forze russe stanno concentrando sempre più la loro potenza aerea e artiglieria sulle città e sui civili che ci vivono, uccidendo un numero imprecisato di persone e spingendo milioni di persone a fuggire.

L’invasione russa ha spinto quasi 3,5 milioni di persone fuori dall’Ucraina, secondo le Nazioni Unite, con altri 6,5 milioni di sfollati all’interno del paese. Le Nazioni Unite hanno confermato la morte di oltre 900 civili, anche se riconoscono che è probabile che il numero reale sia molto più alto. Le stime delle morti russe variano, ma anche i numeri prudenti arrivano a migliaia.

READ  L'ex pilota dell'aeronautica cilena vola dentro e fuori da un vulcano attivo

Funzionari britannici e statunitensi hanno affermato che Kiev è rimasta l’obiettivo principale della Russia. La maggior parte delle forze russe rimane entro miglia dal centro, anche se razzi e artiglieria hanno distrutto condomini e un grande centro commerciale, che è stato lasciato in rovina dopo essere stato attaccato da proiettili domenica notte, uccidendo otto persone, secondo i soccorritori.

Lunedì, il quotidiano ufficiale russo Komsomolskaya Pravda, citando il ministero della Difesa, ha riferito che quasi 10.000 soldati russi erano stati uccisi. Il rapporto è stato rapidamente rimosso e il giornale ha incolpato gli hacker. Il Cremlino ha rifiutato di commentare. Funzionari occidentali affermano che il numero è una “ragionevole approssimazione”.

D’altra parte, le trattative continuano in video, ma non sono riuscite ad avvicinare le posizioni. Lunedì sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto alla televisione ucraina di essere pronto a rinunciare alla richiesta di entrare a far parte della NATO, una richiesta chiave russa, in cambio di un cessate il fuoco, il ritiro delle forze russe e garanzie sulla sicurezza dell’Ucraina.

Zelensky ha anche suggerito che la città di Kiev sia aperta a futuri negoziati sullo status della Crimea, una penisola annessa dalla Russia nel 2014, e sulle aree del Donbass orientale controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia. Ma ha notato che questo era un argomento per un’altra volta. Zelensky ha consegnato martedì una lettera ai legislatori italiani esortandoli a inasprire le sanzioni contro la Russia e a sequestrare più beni a Putin e ai suoi alleati.

Mercoledì, il presidente ucraino indirizzerà una lettera ai parlamentari giapponesi, come parte di una serie di lettere al Congresso degli esteri per raccogliere sostegno.

READ  Jorge Ariza ha presentato la sua candidatura a Governatore dello Stato di Barinas

A Mariupol, con le comunicazioni interrotte, i movimenti limitati e molti residenti nascosti, non è chiaro cosa sia successo alle persone in una scuola d’arte distrutta domenica e in un teatro demolito quattro giorni prima. Si credeva che più di 1.300 persone si stessero rifugiando nel teatro e circa 400 nella scuola d’arte.

Mariupol, sul Mar d’Azov, è un importante porto dell’Ucraina e si trova su una striscia di terra tra Russia e Crimea. Questo lo ha reso un obiettivo primario, ed è stato assediato per più di tre settimane e ha sopportato alcune delle peggiori scene della guerra.

Ma non c’era un quadro chiaro e indipendente di quanto fosse stata vicina la sua caduta. Martedì, il ministero della Difesa ucraino ha affermato che le sue forze stavano ancora difendendo la città e ha distrutto una motovedetta russa e una struttura elettronica.

Durante il fine settimana, Mosca ha offerto una via sicura per uscire da Mariupol, stabilendo un corridoio a est verso la Russia e uno verso l’Ucraina occidentale, in cambio della resa della città prima dell’alba di lunedì. L’Ucraina ha rifiutato categoricamente l’offerta molto prima della scadenza.

Prima della guerra, la popolazione di Mariupol era di circa 430 mila persone. Si ritiene che circa un quarto di loro sia fuggito dalla città nei primi giorni del conflitto e decine di migliaia siano fuggite la scorsa settimana attraverso un corridoio umanitario. I continui combattimenti hanno ostacolato i precedenti tentativi di evacuazione.

I funzionari di Mariupol hanno annunciato il 15 marzo che almeno 2.300 persone erano state uccise durante l’assedio, alcune delle quali sepolte in fosse comuni. Da allora non è stata pubblicata una stima ufficiale, ma si teme che il numero sia molto più alto sei giorni dopo gli attacchi.

READ  Francia: la polizia disperde i manifestanti alle manifestazioni del Primo Maggio con i gas lacrimogeni

Per quelli ancora in città, le condizioni sono diventate dure. L’assedio lasciò Mariupol senza elettricità, acqua e cibo, interrompendo le comunicazioni con il mondo esterno, trascinando la popolazione in una lotta per la sopravvivenza. Recenti immagini satellitari hanno mostrato pennacchi di fumo che si alzavano dagli edifici distrutti dall’artiglieria russa.

Coloro che sono riusciti a uscire da Mariupol dicono che la città è stata distrutta.

“Non ha più edifici”, ha detto Maria Fyodorova, 77 anni, dopo aver attraversato il confine con la Polonia lunedì dopo cinque giorni di viaggio.

Una lunga fila di veicoli attendeva su un’autostrada a Bizimeny mentre i residenti di Mariupol cercavano rifugio in un campo improvvisato allestito dai separatisti sostenuti dalla Russia nella regione di Donetsk. Si stima che nel luogo si siano rifugiate circa 5.000 persone di Mariupol. Molti sono arrivati ​​in auto con cartelli con la scritta “Bambini” in russo.

Una donna che ha dato il suo nome Yulia ha detto che lei e la sua famiglia si sono rifugiate a Bizimeni dopo che i bombardamenti hanno distrutto sei case dietro casa sua.

“Ecco perché siamo saliti in macchina, a nostro rischio e pericolo, e ce ne siamo andati in 15 minuti, perché tutto è stato distrutto lì e ci sono corpi che giacciono ovunque”, ha detto. “Non siamo riusciti ad andare da nessuna parte, c’erano delle riprese”.

Il vice primo ministro Irina Vereshuk ha affermato che lunedì più di 8.000 persone sono fuggite in aree più sicure attraverso corridoi umanitari, inclusi circa 3.000 residenti di Mariupol.