Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lula chiede protezione dell’Amazzonia e propone un vertice sul clima in Brasile nel 2025 | Notizia

Il presidente eletto del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, ha affermato mercoledì che “non c’è sicurezza climatica nel mondo senza una regione amazzonica protetta” mentre ha annunciato che chiederà che il vertice sul clima COP30, corrispondente al 2025, si tenga in quella regione regione brasiliana.

Leggi anche:

I membri del gruppo hanno annunciato una transizione di leadership in Brasile

Nel frattempo, l’ex presidente ha anche approvato la proclamazione fatta la scorsa settimana sulla creazione di un ministero per i popoli indigeni, in cui i popoli indigeni “suggerissero politiche pubbliche” nel loro governo.

Allo stesso modo, Lula ha confermato che insisterà affinché la COP si tenga nel 2025 nell’Amazzonia brasiliana. “La lotta al cambiamento climatico avrà il posto più alto nella struttura del mio governo”, che inizia il 1° gennaio.



Nello stesso senso, Lula da Silva ha promesso il ritorno del Brasile ai negoziati sul clima da cui si è ritirato il suo predecessore, Jair Bolsonaro.

Ecco perché il presidente ha celebrato che la sua chiamata come presidente eletto “è un riconoscimento che il mondo ha fretta di vedere il Brasile ancora una volta impegnato in discussioni sul futuro del pianeta e di tutte le creature che lo abitano”.

Allo stesso modo, ha affermato che gli accordi sul clima precedentemente raggiunti “che sono già stati firmati dovrebbero entrare in vigore”.

READ  COVID-19, nuove misure e visite del governo segnano una settimana a Cuba

Il presidente eletto ha affermato che “Nessuno è al sicuro. L’emergenza climatica colpisce tutti, anche se i suoi impatti ricadono in modo sproporzionato sui più vulnerabili”.

“Metteremo fine al degrado delle nostre foreste tropicali”, ha sottolineato.



Lula partecipa come ospite speciale alla presidenza egiziana della conferenza sul clima delle Nazioni Unite che si tiene dalla scorsa settimana.

Attraverso la sua piattaforma di governo, il presidente rieletto il 30 ottobre ha promesso di non deforestare e ha proposto di organizzare la COP 30 nel 2025 in Brasile.

Lula, insieme ai governatori di quegli stati, ha osservato che tra le sfide che l’Amazzonia deve affrontare ci sono gruppi criminali attivi nella regione, industrie minerarie e agricole illegali che cercano di espandere le frontiere agricole a spese della foresta.

La deforestazione media annua in Amazzonia, di cui il Brasile concentra il 60% dell’area totale, è aumentata del 75% rispetto al decennio precedente durante il mandato di Jair Bolsonaro.

Nel suo discorso al vertice sul clima COP27, Lula ha affermato: “Non ci sono due brasiliani né due pianeti sulla Terra. Abbiamo bisogno di più compassione e fiducia tra i popoli”.

“Superare e trascendere gli interessi nazionali immediati, al fine di tessere collettivamente un nuovo ordine internazionale che rifletta i bisogni del presente e del futuro”, ha affermato.



READ  I legislatori israeliani si rifiutano di vietare l'alzabandiera della bandiera palestinese | Notizia

Ha osservato che “il Brasile ha già mostrato al mondo la via per ridurre la deforestazione e il riscaldamento globale. Tra il 2004 e il 2012, abbiamo ridotto il tasso di deforestazione in Amazzonia dell’83%, mentre il PIL agricolo è cresciuto del 75%”.

Lula ha sottolineato, in un discorso pronunciato a margine dei negoziati al vertice di Sharm el-Sheikh, che il mondo ha un disperato bisogno di un meccanismo finanziario per perdite e danni per far fronte alle ripercussioni del cambiamento climatico, che è un tema centrale nella negoziati al vertice in Egitto.