Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lula esorta gli arbitri a mostrare che l’odio è finito in Brasile – Periódico Invasor

Lula esorta gli arbitri a mostrare che l’odio è finito in Brasile – Periódico Invasor

Screenshot di @LulaOficial Il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha detto ai governatori dei 27 stati e del Distretto Federale del Brasile che il potere pubblico deve garantire al popolo che la diffusione dell’odio sia finita.

“Dimostreremo al popolo brasiliano che l’odio è finito. Quello che è successo l’8 gennaio (l’invasione e il saccheggio delle tre autorità statali a Brasilia) non si ripeterà”, ha detto il fondatore del Partito dei Lavoratori.

Davanti alle autorità nel Palazzo del Planalto, sede dell’esecutivo, Lula si aspettava il ripristino della democrazia, perché la sua essenza è il dialogo, “purché non impedisca all’altro il diritto di parola. Per questo dico che il Brasile tornerà alla normalità”.

L’ex sindacalista ha chiarito che non farà distinzioni tra i conservatori che lo sostengono o si oppongono, il che sarebbe un segno di pacificazione in politica.

Ha promesso di visitare l’ufficio di ogni governatore e “non farò come i terroristi e non invaderò” il loro ufficio, se non vogliono.

Nel suo discorso, Lula, insieme al vicepresidente Geraldo Alcmene e ad altri ministri, ha affermato che non ci sarà alcun veto sulle richieste del governo e che le richieste dello Stato saranno analizzate dalla federazione.

Ha affermato che una delle mosse per riprendere la vita normale nel Paese è far funzionare i tre rami dello Stato nell’ambito dei loro poteri.

“Io dico che il Brasile ha bisogno di tornare alla vita normale. “Lavorerò sodo e parlerò molto in modo che la magistratura svolga il ruolo della magistratura in modo che la Conferenza nazionale svolga il ruolo della Conferenza nazionale”, ha affermato.

READ  Colombia, Messico, Argentina e Bolivia sono preoccupati per la crisi in Perù

Ha chiesto la fine delle azioni legali presso la Corte suprema federale per contestare i voti in Parlamento e ha chiesto la fine del razionamento della politica.

Siamo responsabili di molta magistratura. La gente perde qualcosa nel congresso nazionale invece di accettare le regole del gioco democratico in cui vince la maggioranza e la minoranza si adegua a quanto deciso.

Oltre al tema dell’Imposta sulla Circolazione delle Merci (ICMS), ogni Stato nell’incontro con il Presidente ha fatto riferimento a tre progetti locali e uno di rilevanza regionale.

“Molti stati hanno perso più del cinque percento (dei flussi di risorse). Questa è la prima misura. Altri potrebbero essere presi con la Corte Suprema Federale. Dobbiamo discutere cosa possiamo fare per recuperare più entrate. Renato Casagrande, Governatore di Espiritu Santo, ha detto: tutti perdono molto”.

Secondo altre fonti, la legge sarebbe stata approvata lo scorso anno, durante l’amministrazione dello sconfitto presidente Jair Bolsonaro, senza alcuna discussione con gli stati.