Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lula non ha solo reagito: ha vinto – Juventude Rebelde

Non solo perché viene da lì, Luiz Inácio Lula da Silva ha le sue più grandi simpatie nel nord-est del Brasile. Lo vogliono dove la miseria è peggiore del paese, perché è come loro: li rappresenta.

L’uomo che assume la presidenza per la terza volta, però, ha scritto la prima parte della sua storia altrove: il sud-est, precisamente nella popolosa San Paolo, dove sua madre si trasferì da bambina con i suoi otto figli.

Lì, il giovane del nord-est ha dimostrato rapidamente le sue qualità di combattente impenitente, di uomo umile che ha combattuto una battaglia per i poveri non per convinzione teorica, ma per un senso di giustizia fondamentale nato dalla e dalla sua stessa esistenza. Quell’amore per la sua famiglia, che oggi si estende a tutto il Paese invitandolo a ricongiungersi.

Questo presidente del Brasile lo capisce e i diseredati lo capiscono perché lo era. E prima di superare il corso da metalmeccanico, ha dovuto aiutare la sua famiglia il più possibile, anche lustrando le scarpe.

Si narra che fosse molto giovane quando, senza rendersi pienamente conto dell’importanza della missione sindacale, abbracciò il sindacalismo su impulso di un fratello maggiore che lo aveva già fatto. Ma la sua certezza della necessità di quella battaglia venne quando questo fratello fu imprigionato ingiustamente.

Gli anni del governo di Bolsonaro non hanno potuto distruggere la base sociale del PT nelle recenti elezioni presidenziali. Foto: AFP

“Ero un comune dirigente sindacale, avevo paura di andare in galera, pensavo alla mia famiglia, pensavo che per fare sindacati bastasse poco. Dopo l’arresto di mio fratello ho perso la paura. Se lottavo per quello che ha combattuto perché è motivo di reclusione e tortura, molte persone dovranno essere detenute e torturarle (…) è stato così bello perché ha risvegliato in me una grande coscienza di classe”, racconta nel 2003, secondo le recensioni di altri autori incluso nel libro. Dal sindacalismo alla rielezione (2015), della brasiliana Luciana Banke.

Evocando quei tempi della rinascita della sua leadership tra gli operai, le sfilate per le strade, e persino la sua scelta obbligata di girare il mestiere all’età di quattordici anni per sopravvivere, questa capacità di superare le avversità potrebbe essere migliorata. Concetto, Lola ha mostrato, ancora una volta.

La sua dedizione e il suo coraggio sono stati dimostrati in più di uno sciopero come presidente del sindacato dei metalmeccanici dei comuni di Santo André, São Bernardo e São Caetano do Sul (ABC) a San Paolo, carica alla quale è stato eletto per la prima volta. 30, con oltre il 92% di approvazione.
Quindi viene rieletto a maggioranza paritaria. L’azione di questa unione ha portato a parlare di una nuova forma di unione. Tra questi lavoratori, la genealogia di chi sarebbe poi diventato il capo fu forgiata tre volte.

READ  Cuba ratifica il suo impegno per il disarmo nucleare (+ video)

La rivoluzione cubana è stata un punto di riferimento morale e socio-politico nell’amministrazione presidenziale di Lula. Foto: Getty Images

Nelle stesse strutture di São Bernardo, questo sindacato lo ha protetto nell’aprile 2018 quando l’allora giudice Sergio Moro giustamente soprannominato il “carnefice” della sinistra brasiliana grazie alle sue macchinazioni nel caso Lava Gato, da allora ha imprigionato ingiustamente qualcuno. È emerso come candidato vincente alle prossime elezioni. Lui, che non doveva nulla, decise di compromettersi.

Nel 1980, da quella città, Lula condusse uno dei peggiori scioperi contro la dittatura guidata dal generale Joao Figueiredo. È stato arrestato a casa sua e imprigionato per 30 giorni. Ne uscirò più forte.

Circa 40 anni dopo quegli avvenimenti, non si accontentò della sua apparenza della stessa resistenza di allora: sconfisse la campagna diffamatoria di Lula di cui fu vittima e affrontò con coraggio i casi giudiziari manipolati che cercavano di trasformarlo in un cadavere politico, tutto di cui ha invalidato. Non ci sono prove incriminanti o contraffatte.

Anche questa volta non si lascerà spaventare da una reclusione immeritata, anzi dovrà superare prima della morte della moglie Marisa Leticia (2018), che si immagina sia un’altra vittima di tensioni, seppur fatali. Che ha circondato le vite dei due… dopo la prima falsa accusa di corruzione.

Non è stata l’unica cosa che lo ha colpito nell’ambiente familiare. Lola ha dovuto sopportare anche la perdita di Arthur, uno dei suoi sei nipoti, morto di meningite all’età di sette anni quando suo nonno stava scontando una pena ingiusta. Il marzapane voleva che i colpevoli impedissero la sua momentanea liberazione dalla sua prigione di Curitiba, in modo che non partecipasse, come alla fine fece, al suo funerale.

E giustamente, avrebbe detto in una conferenza stampa dopo la sua nuova elezione il 30 ottobre: ​​“Mi considero un cittadino che ha attraversato il processo di resurrezione. Hanno cercato di seppellirmi vivo, ed eccomi qui.

READ  Autorizzazioni sanitarie in Messico atentas a subvariante ómicron BA.2 - Juventud Rebelde

Restituzione

Il suo ritorno alla presidenza è, infatti, storico e persino notevole, un argomento per molti per affermare che Lula è il politico più popolare in Brasile.

In dichiarazioni alla Bbc, John French, professore di storia in un’università americana e autore di una biografia sul leader brasiliano, lo ha classificato come “un fenomeno politico ed elettorale che dovrebbe ricevere molta attenzione da parte del mondo.

“Non c’è motivo di aspettarsi che qualcuno del tuo background arrivi dove si trova. Ogni fase della loro vita è stata una sorpresa.

Tuttavia, la francese si sbaglia in qualcosa. Chiunque esamini la carriera di Lula vedrà chiaramente le ragioni del suo altro arrivo al capo dello stato, come ha fatto dalla metallurgia, e prima ancora, dalla parte più remota della sua nativa Caetes.

Lula non è seguito perché è un fenomeno popolare a sé stante, nemmeno per le sue riconosciute capacità di comunicare e dialogare con le masse, ma proprio perché è qualcun altro tra quelli che lo hanno votato, e perché ha guadagnato qualcosa a poco a poco. Una mossa, un prestigio non offuscato dalle menzogne ​​nonostante molti suoi connazionali possano ancora essere bersaglio di manovre mediatiche e giudiziarie di destra per demonizzarlo. Sicuramente, alcuni di loro non crederanno mai più in lui.

Le alleanze con le potenze emergenti incorporate nei paesi BRICS erano una forte componente della diplomazia di Lula. Foto: AFP

Sebbene abbia promesso di governare per tutti e abbia teso la mano, quindi, al 49 per cento degli elettori che hanno votato per Jair Bolsonaro, Lula ha anche ammesso nel suo discorso post-vittoria che i suoi primi sforzi sarebbero stati volti ad alleviare le sofferenze dei più emarginati e affamato.

È a questo punto della sua vita che il record di servizio di Lula in Brasile può essere misurato tanto quanto il suo tempo come combattente di strada, come lo è stato sin dalla presidenza. Nessun altro sovrano brasiliano ha fatto così tanto per il suo popolo. E lo farò di nuovo.

Il Programma Fame Zero, la cui promessa principale è stata mantenuta dopo la prima elezione a capo di stato nel 2002, ha dato la possibilità di mangiare a più di 30 milioni di brasiliani. Ora dovrà restituirlo, perché in questo stato eredita il triste fardello di 33 milioni di nuovi cittadini senza la sicurezza alimentare.

READ  Il governo spagnolo invierà una delegazione commerciale a Nasarawa a luglio

L’ho annunciato. “Se saremo in grado di esportare cibo in tutto il mondo, dovremmo riuscire a far fare colazione, pranzo e cena ai brasiliani tutti i giorni. Questo è il mio impegno più grande”, ha detto nel suo primo intervento.

Altri programmi sociali, come parte del cambiamento che ha annunciato per il Brasile dal suo primo mandato, hanno colmato il divario di disuguaglianza riaperto e gli hanno dato credito come presidente. Forse qualcuno può ripubblicarlo; Ad esempio, i piani Bolsa Família e Luz para Todos, di cui hanno beneficiato milioni di famiglie e contribuito alla redistribuzione del reddito.

Non sorprende che sia stato rieletto nel 2006 con oltre il 60 per cento dell’elettorato, e non sorprende che ora sia rieletto.

Il primo mandato di Lula come presidente del Brasile (2003-2011) ha cementato il settore statale dell’economia del gigante sudamericano. Foto: AFP

Oltre ad accorciare i divari sociali, Lula ha realizzato una svolta che ha sostenuto la sua politica economica: alla fine di questi primi due periodi (2003-2006, 2007-2010) il Brasile ha quadruplicato il suo prodotto interno lordo e l’inflazione, che ha raggiunto il 12,5 per cento, è scesa al 3,14 per cento, per citare alcuni indicatori.

Sorse la cosiddetta nuova classe media.

Uomo capace non solo di mobilitazione sociale, ma anche di stringere alleanze con altre forze nell’arena politica, e farlo senza delegittimarsi, Luis Inacio da Silva ha mostrato ancora una volta la sua capacità di costruire consensi con la formazione del Brasile della Speranza. Dove si incontrano decine di forze politiche, capeggiate dal Partito dei Lavoratori.

L’esempio più lampante è la selezione del suo vicepresidente, l’ex governatore Geraldo Alcmene, del Partito socialdemocratico brasiliano che nel 2006 fu suo rivale alle elezioni.

Anche la virtù di unire e formare un ampio fronte antibolsoniano è stata importante per la nuova vittoria, e avrebbe dovuto aprire la strada per cominciare, si è detto, a dimostrare che il Paese è un solo Brasile. .

Sarà un nuovo successo per l’uomo che era un giovane che ha raggiunto la presidenza tre volte.