Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ultimo bar d’Italia dove un caffè costa ancora 70 centesimi


  • Rosina e Orlando, proprietari del complesso piemontese, non alzano i prezzi dal 1999.


  • In una piccola città nel nord del paese esiste ancora un’icona della cultura italiana che sfida l’inflazione.

La terra italiana dei lavoratori e delle guerre sociali, degli artigiani e delle imprese locali lotta ancora contro i ritmi della globalizzazione. Tra Torino e Milano, vicino al confine svizzero, è un piccolo comune di poco più di diecimila abitanti. C’è un bar chiamato ‘Fanti di Cuori’ (Fante di Cuori in spagnolo). Caffè espresso L’italiano riceve ancora 70 centesimi, che non è cambiato da prima dell’euro, soprattutto dal 1999. I proprietari Rosina Furiti e suo marito Orlando Baldino gestiscono il locale da oltre 27 anni e i loro clienti del bar bevono ogni giorno caffè a buon mercato da tutta Italia. O, almeno, bloccato con il prezzo di quasi 25 anni fa. Un’oasi ora più che mai in un deserto di inflazione che è aumentata negli ultimi mesi a causa della guerra e della crisi energetica. Eurostat ha riportato l’inflazione in Italia al 12,8% a ottobre, dati che non si vedevano da decenni. «Sarà sempre a questo prezzo, è deciso. Questo prezzo o niente», dice Rosina al telefono durante una pausa dal lavoro.

Un gesto di sostegno e fiducia ai propri clienti. Molti di loro sono braccianti, braccianti, che si alzano all’alba e per i quali Fondi de Quari apre alle 5 del mattino. “È per chi lavora qui, non solo nelle fabbriche, ma per chi è di passaggio, siamo tra due grandi città”, dice. “Stiamo mantenendo le precedenti millequattrocento lire. Quando è entrato in vigore l’euro, abbiamo calcolato il tasso di cambio e ci ha dato circa 77 centesimi, i vecchi hanno confuso diverse valute e alla fine sono rimasti a 70. E così è stato. Al momento siamo ridotti a due persone e nessuno staff e arriveremo entro la fine del mese”, spiega Rosina. “I nostri clienti sanno da tempo che qui costa, Chi lo prova perché costa poco resta perché è anche buono”. Dice tra le risate.

Il caffè in Italia è quasi, quasi senza, una questione di diritto. Un pilastro essenziale della cultura e della gastronomia Base a campana, al bar di Rosina e suo marito hanno mantenuto prezzi alla portata di tutti nessuno escluso. “Le persone che vengono sono clienti abituali, parlano, vengono prima e dopo i turni di lavoro. Li conosciamo. Ulteriore, Anch’io sono più una caffettiera e non avrei preparato il caffè per altre persone, non importa quanto fosse economico, non sarebbe stato buono. Collaborazione. Ne prende diverse al giorno, suo marito non le prepara per lei, Rosina conosce esattamente le misure ed è molto esigente, non le piace. Caffè espressoGli piace Ristretto, uno stile italiano preparato con ancora meno acqua, consente a quasi la stessa quantità di caffè di fluire dalla caffettiera alla tazza. “Più a lungo lo prendi, peggio ti senti, più caffeina ha”, scherza dall’altra parte. In Piemonte, dice, oggi c’è il sole, c’è un viavai di gente che va e viene, e nonostante il prezzo del suo caffè sia ormai noto in tutta Italia, dopo l’attenzione della stampa, si augura che ce ne siano molte di più. Diventeranno curiosi.

In ‘Fanti di Cuori’ l’obiettivo non è quello di aumentare di un solo centesimo il prezzo del caffè, ma in altri prodotti non hanno potuto evitarlo a causa dei tre aumenti ricevuti dal distributore. Quest’anno. È il caso, ad esempio, della birra o di altre bevande, ma, ammette Rosina, i clienti non prestano molta attenzione a questo. “I nostri prezzi sono solitamente bassi Cappuccino All’1.10 cornetto all’1.20… e facciamo anche dei panini. Siamo arrivati ​​in cima Un po’ per certi aspetti ma il prezzo è comunque buono e non compromette i clienti“, dice. Lei e suo marito, Orlando, dicono che andranno in pensione in questo bar, anche se, a causa dell’età, potrebbero essere già in pensione. “Ora l’economia non è più quella di una volta, ora stiamo continuando, se compare un acquirente, penseremo comunque al ritiro. Adesso tocca a noi”, spiega. Non è chiaro se i futuri acquisti del bar includeranno un marchio della casa: il caffè economico in Italia.

READ  La FIAP chiede il rinvio della tassa sulla plastica in Spagna dopo la fine della tassa sulla plastica in Italia, poiché è "inaccettabile"