Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’UNESCO mette in risalto il patrimonio immateriale che unisce uomo e natura

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 nov 2022 – 13:24

Rabat, 28 novembre (EFE). – Il Direttore Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, ha sottolineato oggi, lunedì a Rabat, l’importanza delle pratiche del patrimonio immateriale che riguardano il rapporto tra uomo e natura, per aiutare nella “grande sfida” della conservazione ambientale.

Nella prima giornata del 17° Comitato Intergovernativo per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, che si riunisce fino a sabato nella capitale marocchina, Azoulay ha spiegato ai giornalisti che molte pratiche del vivere la cultura umana si riferiscono a questo rapporto.

“Sono risorse – ha detto – per aiutarci nella grande sfida del nostro tempo: la conservazione della natura e della biodiversità, che oggi purtroppo sono fortemente minacciate”.

Azoulay ha applaudito la celebrazione di questa commissione in Marocco, un paese che ha detto “fa della diversità una norma”, e nella città di Rabat, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO appena un decennio fa.

Ha aggiunto l’importanza della sua presenza nel continente africano, perché “l’Africa è la matrice dell’umanità e il linguaggio simbolico che dà significato a tutte queste tradizioni ea questo patrimonio vivente”.

E il re Mohammed VI del Marocco ha annunciato, nella seduta della commissione di lunedì, in un messaggio letto dal segretario generale del governo, Mohamed Hajwi, che il Paese nordafricano istituirà un centro nazionale per il patrimonio culturale immateriale, la cui missione è quella di “promuovere risultati in questo campo.”

Ha spiegato che i suoi compiti includono la realizzazione di un inventario del patrimonio nazionale e la creazione di un database, il rafforzamento della formazione dei responsabili della sua conservazione e l’educazione delle giovani generazioni alla sua importanza.

READ  Gli studenti universitari dell'Ecuador marceranno per un'istruzione pubblica di qualità

Il comitato, che inizia a riunirsi lunedì a Rabat, è composto da 24 rappresentanti scelti tra i 180 firmatari della Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, che decideranno quale delle 50 domande presentate riceverà il riconoscimento internazionale dall’UNESCO, premiato finora per 530 tradizioni e pratiche culturali.

È la prima volta dal 2019 che si incontrano di persona, dopo due uscite online dovute alla pandemia.

Per quest’anno la Spagna ha introdotto il rintocco delle campane a mano, una tradizione che si è diffusa su tutto il territorio nazionale ed è attualmente sostenuta da gruppi di volontari e residenti in diverse città spagnole.

Condivide un’altra domanda congiunta con Germania, Austria, Repubblica ceca, Lettonia e Polonia, che mira a concedere al legname (il trasporto di legname via fiume) il titolo di patrimonio culturale immateriale.

I due candidati competeranno con altri 44 per questo riconoscimento speciale dell’UNESCO, tra cui tre paesi latinoamericani: Cuba offre la conoscenza dei maestri del rum, il Guatemala scommette sulla sua Settimana Santa e la Colombia sul sistema di conoscenza ancestrale dei popoli indigeni . Sierra Nevada di Santa Marta.

Anche una richiesta congiunta di Andorra e Francia per una festa dell’orso nei Pirenei sarà valutata dal comitato durante la sua riunione a Rabat.

Il comitato prenderà in considerazione anche quattro candidature per la Lista di protezione urgente, che raggruppa elementi del patrimonio minacciati che necessitano di assistenza internazionale per la loro sopravvivenza.

Il primo a sottomettersi a questo organismo sarà quello cileno, che chiede assistenza urgente a Pottery Quinchamalli e Santa Cruz de Coca.

Infine, si determinerà quale delle cinque proposte in esame entrerà nel Registro delle Buone Prassi per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale.

READ  La delegazione del governo venezuelano arriva in Messico per partecipare a un dialogo con l'opposizione

Portogallo e Spagna sono candidati per quest’ultimo, per il loro progetto “Ponte… nas ondas!” (PNO), che dal 1995 ha cercato di proteggere il patrimonio culturale tra il confine galiziano-portoghese. EFE

mt.ms/ads

(foto) (video)

� EFE 2022. La ridistribuzione e ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA