Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Unione europea pone le condizioni per il dialogo con i talebani e studia il ritorno a Kabul

Il conflitto tra Unione Europea e Afghanistan

Kranj (Slovenia), 3 settembre (EFE). Venerdì l’Unione europea ha imposto condizioni per il dialogo con i talebani – come il rispetto dei diritti umani o l’impedimento che l’Afghanistan diventi un rifugio per i terroristi – e sta valutando di essere presente a Kabul per verificare che le vostre esigenze siano soddisfatte e continuare con il sfratti.

“Sappiamo molto bene che i talebani stanno affrontando una carenza di denaro, non solo per pagare gli stipendi, ma per pagare qualsiasi cosa”, ha affermato l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, al termine dell’incontro. Ministri tenuti ieri e oggi in Slovenia.

Istituzioni finanziarie come la Banca mondiale o il Fondo monetario internazionale hanno smesso di erogare fondi ai nuovi leader afghani e l’Unione europea ha congelato gli aiuti allo sviluppo.

“Il nuovo governo afghano dovrà occuparsene e siamo pronti ad aiutare nelle circostanze”, ha detto Borrell.

Termini

L’UE invita i talebani a non trasformarsi in un rifugio per i terroristi in Afghanistan; che rispetti i diritti umani, in particolare i diritti delle donne; che costituiscono un governo “inclusivo”; L’ex ministro spagnolo ha chiarito che rispettano la libertà di stampa e garantiscono l’accesso umanitario.

Alcuni diranno che i talebani non soddisferanno i requisiti. “Vedremo”, ha commentato l’Alto Rappresentante, aggiungendo che i contatti con i ribelli “aumenteranno a seconda del comportamento di questo governo”.

Essere a Kabul

I Ventisette pensano a negoziare con i talebani da un punto di vista “operativo”, ha spiegato Borrell, perché “dobbiamo discutere le questioni importanti, la prima e la più urgente è come evacuare centinaia o migliaia di persone. piace evacuare per via aerea.”

Per questo, ha aggiunto, l’Ue sta valutando una presenza a Kabul perché “è molto più facile parlare con qualcuno che si trova nella stessa città che parlare in video”.

READ  La Bolivia ha ribadito la necessità di rafforzare e integrare Celac - Prensa Latina

Il ministro degli Esteri spagnolo, José Manuel Alparís, ha spiegato a EFE che “non parleremo di un’ambasciata”, ma che l’idea è quella di aprire un “ufficio”.

Sulla stessa linea, l’Alto rappresentante ha affermato: “Gli Stati membri non riapriranno le ambasciate domani e non riapriremo una delegazione con un capo delegazione come se nulla fosse”, sottolineando che questa potenziale presenza “non lo è”. Il primo passo verso il riconoscimento del governo talebano.

Fonti europee hanno detto a EFE che la permanenza in Afghanistan “potrebbe essere a livello tecnico o umanitario”.

alternativa Doha

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha spiegato che l’Ue avrebbe una presenza a Kabul se “è possibile operare in sicurezza”, osservando che “almeno a breve termine non è vista come qualcosa che può essere attuata”.

In questo caso, il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE), che coordinerà il lavoro degli Stati membri che vorranno partecipare, sposterà la sua presenza a Doha”, che è il luogo più vicino dal punto di vista del contatto con il governo afghano , ha affermato l’Alto rappresentante.

C’è ancora un aspetto di incertezza. Ciò che non cambia è la volontà e l’obiettivo: non lasciare indietro nessuno”, ha detto Alparis a EFE.

Borrell ha anche affermato che l’Ue, oltre a contattare i talebani, lancerà un “programma politico regionale di cooperazione” con i paesi vicini all’Afghanistan, tra i cui obiettivi ci sono la gestione dei flussi migratori dall’Afghanistan e la prevenzione e il contrasto della “diffusione del terrorismo”. crimine organizzato.

Una missione coordinata dai Paesi dell’Unione Europea con gli Stati Uniti.