Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Macron e Le Pen si ripetono il girone di ritorno – Juventud Rebelde

PARIGI, 11 aprile – Qualificato al secondo turno con il 27,85 per cento dei voti (97.85578), il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato i suoi seguaci a La Repubblica en Marche a unirsi in quello che ha definito un grande politico di movimento, mentre si avvicinava ai leader. Sinistra e destra per costruire un’azione congiunta, contro il candidato di estrema destra, Marine Le Pen, che ha ottenuto il 23,15 per cento dei voti (8136369) per il suo gruppo nazionale.

Lunedì, il Ministero dell’Interno ha finalmente pubblicato i risultati finali di questo primo turno di elezioni presidenziali, in cui il candidato di sinistra, Jean-Luc Mélenchon, è stato eliminato definitivamente nonostante avesse ricevuto il 21,95% dei voti (7714949) a suo favore . Francia Insumezza, e secondo Biblico, ha già detto ai suoi seguaci di non dare un voto a Le Pen al secondo turno, perché nei sondaggi delle ultime settimane più di un quarto delle persone ha detto che voterebbe per Mélenchon al primo turno, e predisse che avrebbero scelto Le Pen in caso di duello nel secondo round tra lei e Macron.

L’astensione ha raggiunto il 26,31% degli elettori registrati, il livello più alto al primo turno delle elezioni presidenziali dopo il 28,4% nel 2002. Marine Le Pen si è classificata prima in 20.036 comuni ed Emmanuel Macron in 11.861 comuni, su un totale di 35.080 comuni, secondo Telesur .

I sondaggisti hanno affermato che i giovani elettori hanno votato in modo schiacciante per Jean-Luc Mélenchon al primo turno di domenica, mentre i pensionati hanno sostenuto il presidente in carica Emmanuel Macron e Marine Le Pen che ha vinto nella fascia di età 25-49 anni.

READ  Il ministro dell'Istruzione cubano raggiunge un'ampia agenda all'UNESCO

Secondo Telesur, la maggior parte dei candidati sconfitti al primo turno ha chiesto ai propri elettori di sostenere la continuità di Macron: il candidato del Partito Comunista Fabien Roussel; Socialismo, Anne Hidalgo; Yannick Gadot, del Partito dei Verdi, e la candidata repubblicana di destra, Valerie Pecres.

Eric Zemmour, che si è presentato anche come candidato al ramo esecutivo per l’estrema destra, è stato l’unico a pronunciarsi a favore di Le Pen, dopo aver suggerito che Macron fosse una “opzione peggiore”.

Immediatamente dopo l’annuncio dei risultati del primo turno delle elezioni presidenziali, Emmanuel Macron e i suoi sostenitori dovrebbero candidarsi al secondo turno contro Marine Le Pen. Uno scenario che si preannuncia tanto pericoloso quanto incerto. Dal suo quartier generale la notte delle elezioni, ha esortato le sue forze a “fare del proprio meglio per le prossime due settimane”.

Dal canto suo, senza deviare dalla sua strategia di convergenza o questioni sociali, Marine Le Pen scommette per prima sui voti di Jean-Luc Mélenchon al secondo turno, prima dei voti del suo rivale di estrema destra Eric Zemmour: gli elettori di Jean-Luc Mélenchon , sii molto ribelle, (…) non andare a salvarti la testa. [de] Il portavoce del partito di Le Pen, Sebastien Chenault, ha dichiarato lunedì che Emmanuel Macron non firmerà per il pensionamento all’età di 65 anni né a causa dei danni sociali al servizio pubblico.

In sole due settimane, il 24 aprile, si deciderà il risultato finale delle elezioni presidenziali francesi.

Mentre il partito di Le Pen è impegnato come lo era nel 2017 nelle sue opinioni e politiche anti-immigrazione e nazionaliste, il leader del partito ha condotto una campagna su questioni che riguardano le famiglie lavoratrici francesi, che pagano prezzi record del carburante e devono ridurre la partecipazione ad essi. economie locali, secondo un recente rapporto di France24. Le Pen ha chiesto tagli alle tasse sull’energia, un aumento delle pensioni delle persone e il mantenimento dell’attuale età pensionabile di 62 anni, in contrasto con la proposta di Macron di portarla a 65 anni.

READ  Il Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale guida le elezioni in Nicaragua - Escambrai