Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Maduro parla di dialogo con l’opposizione: “Saremo pazienti e strategicamente alti per il benessere dei venezuelani” ›Mondo› Granma

Caracas, Venezuela. – «Quando sediamo con l’opposizione, capiamo che ci sono problemi personali, disaccordi politici ed elettorali, odio, invidia, meschinità, opposizione interna. Non si sa cosa aspettarsi. Nicolas Maduro Moros ha avvertito. “Avremo la massima pazienza e altezza strategica […] Per cercare il benessere dei venezuelani.

Questa logica è venuta dall’amministratore delegato quando ha affrontato, durante un’intervista televisiva, la questione del dialogo che il suo governo e l’opposizione hanno ripreso dal 13 agosto, e il cui secondo turno sta per concludersi.

Maduro ha detto che “il tavolo del dialogo nazionale tra il governo e l’opposizione, che si è tenuto in Messico (il paese facilitatore), riprende il riconoscimento reciproco degli attori politici nel paese”, e ha affermato che la controparte del suo governo nel suddetto colloqui è sotto l’amministrazione degli Stati Uniti.

“Quando ci siamo seduti a questo tavolo, abbiamo parlato con gli Stati Uniti perché sono i suoi politici in Venezuela – e ha avvertito – ci sono elementi che determinano che questa opposizione ha uno stretto rapporto con la Casa Bianca.

Sul tavolo, ha detto, il suo governo ha presentato due documenti con lo stesso numero di richieste: “l’immediata revoca di tutte le sanzioni commerciali, finanziarie, petrolifere ed economiche e la restituzione immediata di tutti i conti bancari, i beni e l’oro in Venezuela. ”

Il presidente ha spiegato che questi documenti sono supportati da una serie di lettere firmate da associazioni imprenditoriali private, al fine di garantire la restituzione dei beni al Paese, e ha spiegato che la giustizia lavorerà su coloro che hanno promosso l’imposizione illegale. Sanzioni e saccheggio di risorse. “Non ci sarà impunità; Il danno fatto alle famiglie venezuelane è grande».

READ  COVID-19: la Spagna raggiunge il 70% della sua popolazione vaccinata | Comunità

Maduro ha anche annunciato la richiesta della delegazione esecutiva venezuelana ai colloqui in corso in territorio azteco, per una dichiarazione in difesa della Guyana Iquipa.

Allo stesso modo, ha specificato dal suo account Twitter che in Venezuela non c’è mai stata una duplicazione del potere politico, ma piuttosto una “campagna brutale”; “Cercavano di rovesciare il regime, distruggere la rivoluzione bolivariana e una sorta di colonizzazione politica ed economica”.