Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manifestazioni in difesa della previdenza sociale hanno celebrato la settimana panamense

La coalizione Pueblo Unido por la Vida, che riunisce vari gruppi sindacali, sindacati e movimenti comunitari, ha indicato che le proteste di piazza continueranno ad affrontare azioni illegali nel processo di organizzazione del Fondo di previdenza sociale (CSS) che sta attraversando una fase finanziaria e crisi strutturale.

Il portavoce di quel gruppo, Jorge Guzman, ha spiegato a Prensa Latina che in assenza di accordi sulle proposte delle organizzazioni sociali per ristrutturare il dialogo su questo tema, il Consiglio CSS si appresta a presentare una proposta di regolamento al Presidente della Repubblica . promosso dal settore privato.

In questa entità, il rappresentante del Consiglio nazionale delle imprese private (Conep), Aida Ureña, ha imposto misure standard nel progetto per aumentare l’età pensionabile e le quote pensionistiche per i lavoratori, è stato rivelato.

Guzmán ha ricordato che all’unico tavolo di dialogo nella città di Penonomé (Coclé), istituito lo scorso luglio con il governo, funzionari della CSS come Edwin Salamin, il suo segretario generale, hanno promesso di prendere in considerazione le proposte delle coalizioni popolari che scelgono di salvare Solidarnosc . Ordina e cambia il mezzo in quelle conversazioni.

Ha detto che non rispettano questi accordi come hanno fatto in tutti questi mesi con altri per quanto riguarda i prezzi dei generi alimentari, delle medicine e dell’elettricità.

Da parte sua, il dirigente sindacale Mario Serrano, del Centro nazionale dei lavoratori di Panama (CNTP), ha confermato che le assemblee hanno deciso di sospendere i lavori sui programmi di controllo degli accordi Penonomé su paniere di base, istruzione e medicinali, a causa della mancanza di serietà da parte dell’esecutivo.

Ha precisato che l’avvio della seconda fase del dialogo nazionale a Panama, che avrebbe dovuto iniziare alla fine dello scorso ottobre, non era stato ancora deciso, sotto la pressione di parti private in collusione con il governo.

READ  India e Cina si incolpano a vicenda per il crollo dei colloqui sui confini

Negli ultimi sette giorni sono venute alla ribalta anche le recenti sessioni della Diciannovesima Conferenza delle Parti (COP19) della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES).

In quel vertice mondiale fu approvata la risoluzione per la protezione degli squali, in quanto storica e volta a frenare il commercio illegale di pinne di squalo, soprattutto nell’Asia orientale dove sono richieste per preparare la zuppa.

La maggioranza di oltre duemila delegati provenienti da 183 paesi, con riserve del rappresentante del Giappone, ha accettato di regolamentare il movimento di 54 specie di famiglie di squali sacri (Carcharhinidae) e squali martello (Sphynidae).

Nell’annunciare la misura, la panamense Shirley Bender, che ha presentato la proposta, ha sottolineato l’impatto che avrebbe dovuto includere questi esemplari in via di estinzione nell’Appendice II CITES (Commercio regolamentato), che si stima abbia il 90% del mercato.

Le specie a commercio limitato sono incluse nell’Appendice I della Cites che, dalla sua entrata in vigore nel 1975, ha fissato le regole per il commercio internazionale di oltre 36.000 specie selvatiche.

La plenaria ha inoltre concordato all’unanimità di inserire la famiglia delle razze chitarra (Rhinobatidae) e diverse specie di razze d’acqua dolce (Potamotrygon) nell’Appendice II e ha approvato proposte per coccodrilli, rane, tartarughe e altre specie provenienti da tutto il mondo.

ode/ga