Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manu Ginobili e Tim Duncan: la relazione di due leggende dei San Antonio Spurs che entreranno nella Hall of Fame

Nato a Bahía Blanca, a 7000 km dagli Stati Uniti, in un paese come l’Argentina che a quel tempo, negli anni Settanta, non si sognava nemmeno di avere un attore nella NBA. L’altro è nato in Saint Croix, Isole Vergini, nei Caraibi centrali, molto più vicino al Sud America rispetto alla parte continentale degli Stati Uniti, sebbene quella zona sia una colonia del paese settentrionale. Un altro posto dove i giocatori NBA non sono stati.

Il destino non ha funzionato fin dall’inizio a favore Manu Ginobili e Tim Duncan Erano due leggende della NBA con un posto in gruppo di personaggi famosi rispetto al basket, ma Tanto talento quanto sacrificio li ha portati ad occupare un grande posto nella storia, grazie ai loro successi congiunti in Speroni di Sant’Antonio.

Condividi Manu e Tim 14 stagioni nella squadra del Texas Come compagni di squadra, hanno vinto quattro titoli NBA, giocato in alcune finali e Non hanno saltato le qualificazioni. Quando Ginobili arrivò nel 2002, Duncan era già un pilastro della franchigia, la stella del campionato. Insieme hanno portato gli Spurs a un livello superiore e ne hanno fatto una dinastia regnante, che nel primo anno con loro due in campo ha già vinto il titolo.

Il gioco di entrambi si è combinato perfettamentecapace di eccellere in difesa e in attacco, uno nell’oceano e l’altro nel gioco indoor, senza dimenticare quello che ha fatto Tony Parker, l’altra parte di Trio storico che ha vinto più di 700 partite nell’NBA.

Guidare entrambi si adattano di più.

Manu è caratterizzato come un leader più attivogodendosi il resto del gruppo, come ricorda lo stesso Duncan parlando delle “stupide battute” con cui Ginobili arrivava ogni anno dopo aver trascorso del tempo con la nazionale argentina.

Duncan, come una persona insignificante ma sempre alla ricerca di sopportare il peso di una sconfitta, essendo un giocatore in franchising del Tottenham e cercando di motivare i suoi compagni di squadra in privato: “Non ha mai incolpato un altro compagno di squadra per una sconfitta o una brutta partita. Era un ottimo partner in un modo che era difficile da vedere per il pubblico.Poiché non l’ha fatto nel modo tradizionale, si è battuto al petto o ha parlato nei media. Lo ha fatto basso, in albergo, nello spogliatoio.Ginobili ha detto il giorno del ritiro del 21enne Tim, in cui ha raccontato un aneddoto che rifletteva direttamente come Duncan ha accettato il lavoro per compiacere i suoi compagni di squadra.

READ  "Il primo gol di Elche è stato il nostro errore fatale"

Ciò ha portato a una battaglia tra due leader che hanno trascorso molti anni insieme di cui nessuno sapeva: La squadra era sempre al top Hanno anche messo da parte i soldi in alcuni contratti per la posizione competitiva della squadra, a causa del tetto salariale.

Al ritiro di Ginobili per la 20a maglia, Duncan ha raccontato come “Nano” (come Manu ha detto a Tim chiamandolo) si è guadagnato il rispetto sin dal primo giorno essendo un concorrente totale. “Bruce Bowen ha tirato su di lui tutti i suoi trucchi difensivi e Manu non ha colpito la palpebra. Non ha cambiato tecnica, non si è lamentato. Ha continuato a giocare. È stato allora che ho capito che ne avevamo una buona. E poi, anno dopo anno, sono rimasto sbalordito”..

Ginobili ha detto la stessa cosa di Duncan il giorno di Tim: “Tutti conoscono la superstar che era Tim. Voglio parlare Com’è stata dura come concorrente. In diverse partite in cui stava andando male per i suoi standard, e probabilmente aveva ancora 26 punti e 10 rimbalzi, ci avrebbe addebitato la sconfitta. Allora lo sapevamo Il giorno dopo, è venuto molto presto per lavorare e tirare per ore.

Nella brillante carriera di Duncan, uno dei migliori giocatori di basket della storia, mancava qualcosa: Medaglia d’oro olimpicachi non poteva entrare Atene 2004 Perché l’Argentina, con Ginobili, ha eliminato in semifinale lo statunitense Tim.

prima, dentro Qualificazioni olimpiche 1999Quando non erano ancora partner, Duncan e gli Stati Uniti hanno vinto le semifinali contro Ginobili e l’Argentina e hanno fatto Quel Manu non può essere a Sydney 2000le uniche Olimpiadi che ha saltato da argentino (non è stato convocato ad Atlanta 1996, a 19 anni, quando non aveva ancora esordito in nazionale).

READ  Il potenziale dei Reds ha sbalordito Eli de la Cruz

Fino ad allora la loro carriera si è incrociata, Dopo il poco tempo che Duncan ha dedicato alla nazionale degli Stati Uniti (ha giocato solo tre tornei importanti e si è ritirato dalla scena internazionale dopo la frustrazione di Atene 2004).

Ginobili Duncan Spears

Adesso negli anni ’40 (Duncan dal 1976; Ginobili dal 1977), saranno di nuovo insieme sul grande palco: Scegli Manu Teamentrato nella Hall of Fame nel 2020, come Il suo “padrino” alla cerimonia di investitura nella Hall of Famequalcosa che Duncan aveva già anticipato quando il suo momento era due anni fa: “Grazie per la tua amicizia, fraternità ed esperienze condivise. Non vedo l’ora di vederti qui. E non sono io”.Tim stava scherzando e non è mai stato un fan dell’esposizione pubblica.

Quindi si sa molto poco della loro relazione personale oltre al basket: Ginobili era noto per essere più amichevole con i suoi ex compagni di squadra al Tottenham, come ad esempio Boris Diaw, Patty Mills o Thiago Splitter, altri stranieri, mentre il piccolo Duncan è stato visto fuori campo. Ma si sa che l’interesse per i computer e la tecnologia è ciò che li unisce, e anche Manu ha documentato a lungo Si sono allenati in bicicletta a San Antonio in tempo di pandemia.

Oltre a ciò, i nomi Ricorderemo Ginobili e Duncan insieme per sempre, quando si parla dei risultati di questo o quello nella NBA. E se ne occuperà anche la Hall of Fame perpetuare la sua eredità.

READ  Christian Garin annuncia il suo primo torneo per il 2022

Le opinioni qui espresse non rappresentano necessariamente la National Basketball Association o le sue organizzazioni affiliate.